A- A+
Milano
Caos vaccini, Bussolati: "Lombardia? La crisi sanitaria ora è politica"

Caos vaccini, Bussolati: "Lombardia? La crisi sanitaria ora è politica"

"In Lombardia c'è un'Aria di fine impero". Inizia così il post del consigliere regionale dem, Pietro Bussolati. "La crisi sanitaria - prosegue - ha fatto emergere la crisi amministrativa di Regione Lombardia. Dopo i fasti dell'epoca formigoniana, Regione Lombardia ha avuto via via dirigenti sempre più scadenti, la macchina amministrativa si è ammalorata, tante troppe scelte per fedeltà politica, l'incapacità della Lega di formare una classe dirigente all'altezza, la debolezza dei Presidenti che si sono sostituiti, sono tutti fattori di questa crisi. Ma la politica, forse ottusamente, almeno quella fino ad ora era rimasta compatta."

"Poteva succedere qualsiasi cosa: lo scandalo dei camici, le mascherine pannolino, addirittura l'invio dei dati errati che hanno causato una settimana di zona rossa inutilmente, lo sfacelo della medicina territoriale, e così via. Tutto, ma il patto d'amianto tra Lega, Forza Italia e Fratelli d'Italia ha resistito immobile. Mai scalfito dal dubbio, dai fatti, dai dati. Fino a pochi giorni fa, quando prima Lupi, poi la Santanchè, poi lo stesso Salvini hanno iniziato ad aprire delle crepe. È cominciata con piccoli sassolini, si sta trasformando in una valanga", spiega Bussolati.

"Oggi - aggiunge - è il turno di Giulio Gallera. Il ritorno, per dire che non era colpa sua ma di ARIA, la società di cui è responsabile il suo ex collega leghista Caparini. L'uomo forte dei primi anni di Regione, braccio destro di Fontana, sodale di Giulia Martinelli, la potente capo gabinetto di Regione Lombardia. E così oggi la crisi sanitaria, poi amministrativa, diventa politica. La Moratti contro Fontana, Bertolaso contro Caparini, Gallera contro Caparini, la Santachè contro tutti. In mezzo ci sono i lombardi, quelli che con il loro lavoro hanno creato quell'eccellenza lombarda che la destra ha da sempre strumentalizzato e su cui ha messo il cappello."

"La Lombardia è sempre stata grande grazie proprio ai suoi cittadini, oggi abbandonati da una classe dirigente litigiosa e preoccupata solo di non perdere la poltrona, senza coraggio e visione, micragnosa e ombelicale, priva di quello spirito impreditoriale e costruttivo che ha reso grande la nostra Regione. Si respira un'ARIA da fine Impero: è ora di cambiare ARIA, è ora di costruire la Lombardia che verrà", conclude Bussolati invitando a sostenere la raccolta firma lanciata per 'commissariare' la campagna vaccinale lombarda.

Commenti
    Tags:
    caos vaccini lombardiapietro bussolati
    Loading...










    A2A
    A2A
    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    i blog di affari
    Covid, il pass digitale per il movimento dei sudditi del regime terapeutico
    Covid, ora fase 2 e si riapre: poi richiuderanno accusando 'i sudditi'
    Separazione consensuale dalla moglie: le rate del mutuo oneri deducibili?
    di Francesca Albi*


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.