A- A+
Milano
Carcere di Bollate, i giornalisti incrociano Formigoni (che li dribbla)
Foto: LaPresse

Il Celeste dribbla telecamere in carcere. Bollate, i giornalisti incrociano l’ex governatore

Dite quello che volete ma, anche se è un carcere modello, Bollate fa sempre il suo effetto. Perché, consumate le formalità per entrare, superato lo spaccio e la sala riunioni, poi, vi toccherà entrare nel corpaccione di una galera: mura di cemento armato alte una decina di metri, sbarre alle finestre, guardie carcerarie che – seppure col sorriso sulle labbra – non vi perdono mai di vista. L’occasione è la presentazione di una ricicleria voluta da A2A, Regione e comune, per sostenere il lavoro, le attività che dovrebbero accompagnare i reclusi verso un nuovo inizio.

C’è un sacco di gente “estranea” a Bollate oggi: giornalisti, operatori, il direttore aggiunto della casa di reclusione, Cosima Buccoliero, il direttore delle carceri lombarde Pietro Buffa; il gran capo di A2A Valerio Camerano; gli assessori all’ambiente Cattaneo e Granelli. Si percorrono assieme i lunghi corridoi che si aprono sulle sezioni (un tempo si sarebbe detto i bracci). A metà di un lungo (e triste) corridoio, d’improvviso, spunta Roberto Formigoni: pantaloni leggeri, una maglietta chiara, il solito passo deciso, come se dovesse andare in giunta, col solito ritardo. Dura poco meno di un minuto la sua presenza, poi taglia verso la zona mensa, non ha mai abbassato gli occhi, come fosse assorto nei suoi pensieri. Gli ospiti si guardano: telecamere spente, i cellulari anche.

Sorpresi e c’è un po’ di sconcerto, perché molti di noi hanno seguito a lungo il suo impegno politico, l'hanno ascoltato per anni, a volte anche in disaccordo. Ma il rispetto non è mai mancato. La giustizia deve fare il suo corso e dev’essere uguale per tutti. Ma forse il Celeste dietro le sbarre è uno spreco. Farebbe molto meglio a sè e agli altri ai servizi sociali. O no?

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    carcere bollateroberto formigoni






    A2A
    A2A
    i blog di affari
    ETICA E GIORNALISMO, AIUTI EUROPEI PER REGIONI E CULTURA
    Boschiero Cinzia
    "Fermate il decreto": anche PIN scrive al Presidente della Repubblica
    Super Green Pass, arriva il giorno della discriminazione sotto forma di legge
    L'OPINIONE di Diego Fusaro


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.