A- A+
Milano
Caso Amara, Davigo: "Greco ha agito solo sei mesi dopo"
Francesco Greco

Caso Amara, Davigo: "Greco ha agito solo sei mesi dopo"

"Il prestigio della magistratura si difende rispettando la legge e non violandola. Greco ha violato la legge perché la legge dice che l'iscrizione deve avvenire immediatamente e lui non lo ha fatto". Lo ha detto Piercamillo Davigo a Di Martedì su La7 , riferendosi al procuratore di Milano Francesco Greco e ai ritardi nell'indagine sulle dichiarazione di Pietro Amara sulla presunta 'loggia Ungheria'. "So che l'iscrizione è avvenuta sei mesi dopo l'acquisizione della notizia di reato", ha aggiunto.

Caso Amara: indagata a Brescia aggiunta di Milano Laura Pedio

Anche il procuratore aggiunto Laura Pedio finisce nel registro degli indagati per la vicenda nata dai verbali dell'avvocato Piero Amara sulla presunta loggia Ungheria. Lo riferiscono all'AGI fonti investigative. Pedio e' indagata per omissione in atti d'ufficio assieme al procuratore Francesco Greco in relazione a quanto messo a verbale dal pm Paolo Storari, accusato a sua volta di rivelazione di segreto d'ufficio per essersi rivolto all'allora componente del Csm Piercamillo Davigo adducendo che i suoi capi avrebbero voluto insabbiare le dichiarazioni di Amara.

Commenti
    Tags:
    caso amaraloggia ungheriadavigofrancesco greco






    A2A
    A2A
    i blog di affari
    Covid, il referendum contro il green pass è una pessima strada da seguire
    L'OPINIONE di Diego Fusaro
    PROGETTI PER LE CITTA’ E PER LA TUTELA DELLA VISTA
    Boschiero Cinzia
    Green Pass, Italia modello del golpe globale del Leviatano tecnosanitario
    L'OPINIONE di Diego Fusaro


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.