A- A+
Milano
Catella, nel 2024 parte il cantiere per il Pirellino
Manfredi Catella, presidente di Coima Res

Catella, nel 2024 parte il cantiere per il Pirellino

Sul progetto del Pirellino di Milano, il palazzo di via Pirelli 39 acquistato da Coima per 193 milioni di euro, "si andrà sicuramente avanti. Fa parte dell'estensione di Porta Nuova che è composta dal quasi raddoppio della superficie storica, in particolare sono gli edifici di via Melchiorre Gioia 22 dove entrerà Intesa Sanpaolo a fine anno". Lo ha detto Manfredi Catella, ceo di Coima, piattaforma leader nell'investimento, sviluppo e gestione di patrimoni immobiliari per conto di investitori istituzionali, a margine della presentazione a Milano dell'accordo di partnership tra Consorzio Cooperative Lavoratori (Ccl) e Coima per attività di 'fair and social housing'.

Catella: "Non si farà la passerella che avrebbe invece collegato il Pirellino con la Torre Botanica"

"Melchiorre Gioia 20 - ha aggiunto - è un cantiere così come Pirelli 35 e Pirelli 39 che chiude quel settore del quartiere e stiamo finalizzando il progetto con l'avvio del cantiere nel 2024 per il Pirellino e per la torre botanica". La passerella che avrebbe invece collegato il Pirellino con la Torre Botanica "come abbiamo già detto - ha concluso Catella - non si farà più".

Iscriviti alla newsletter
Tags:
cantierefondazione catellapirellino






Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.