A- A+
Milano
Celentano, anatema contro Pisapia per il taglio degli alberi in via Gluck
adriano celentano

"Un altro pezzo della via Gluck sta per essere 'sgozzato'. L'amministrazione Pisapia ha dato il via allo scempio, e da stanotte alle quattro e' iniziato lo sciagurato abbattimento di 573 alberi per la maggior parte secolari". Lo denuncia Adriano Celentano sul suo blog e parlando di quella via che ha rappresentato una parte molto ampia ed importante della sua vita di artista oltre che di cittadino. "E' incredibile - scrive Celentano - come il mestiere del politico, nonostante l'avvento del bel Francesco e i suoi giusti moniti contro chi distrugge il Pianeta (riferendosi all'enciclica del Papa dedicata all'ambiente, ndr.) sia sceso cosi' vergognosamente in basso. Eppure, caro Giuliano, nonostante sia tua la responsabilita' di questo furioso attacco alla 'bellezza', stento a credere che nel tuo animo lo consideri giusto". E rivolto a Pisapia, Celentano scrive "qualcuno ti deve aver tradito, raggirato, facendoti cadere in un vortice di menzogne che, essendo malauguratamente politiche, sono proprio le piu' pericolose. Ma tu puoi risalire e fermare la mano assassina. Puoi annunciare le tue dimissioni e ricandidarti ad essere il prossimo sindaco".

M4: "ABBATTIMENTI DIMINUITI DEL 24%"/ Rispetto ai cantieri e al taglio degli alberi oggi al Lorenteggio, M4 ha pubblicato sul suo sito un riepilogo di tutte le modifiche al progetto fissate nella delibera approvata dalla giunta lo scorso 10 luglio  e che verranno sottoposte al Cipe (Comitato Interministeriale Programmazione Economica). "La delibera formalizza le iniziative di riduzione degli impatti dei lavori sulla città, ed è frutto anche del confronto svolto in questi mesi con cittadini e associazioni di categoria", si legge. Per quanto riguarda gli interventi sugli alberi, si spiega "la nuova configurazione dei cantieri ridefinita in questi mesi, ha consentito la conservazione di 169 alberature e una diminuzione degli abbattimenti di circa il 24% rispetto al Progetto Definitivo. Alcuni esempi:  lungo l' asse Ovest è stato evitato l' abbattimento di 52 alberi presso Parco Solari e altri 17 in piazza Frattini; mentre lungo l' asse Est Tricolore-Argonne, la variante concordata con la Soprintendenza ha permesso di tutelare altre 41 piante rispetto al progetto approvato dal CIPE nel 2013. Allo stesso tempo, è allo studio un progetto integrato per collegare le aree verdi lungo il tracciato della M4 - Parco Forlanini, Idroscalo e Parco delle Risaie - e renderle pienamente fruibili dai cittadini".

"Il Comune di Milano - prosegue la nota -  si è formalmente impegnato ad aumentare il numero complessivo di alberi di circa il 20% al termine dei lavori, di concerto con i cittadini. Il Piano di piantumazione al termine dei lavori prevede oltre 1.900 nuovi alberi lungo la linea M4, di cui:  oltre 750 presso il deposito San Cristoforo; circa 400 sulla tratta MN Ronchetto-ST Parco Solari; circa 400 sulla tratta ST Tricolore-ST Argonne; circa 150 fuori dalle aree di cantiere ST Tricolore-ST Argonne; circa 200 sulla tratta ST Forlanini FS-ST Linate. A partire da lunedì 20 luglio sono iniziati gli interventi  (trapianti e tagli) programmati sulle alberature all' interno delle aree di cantiere M4 lungo l' asse Lorenteggio e l' asse Argonne. Il via libera all' intervento - che durerà fino al mese di settembre - è arrivato al termine delle operazioni di verifica sulle attività di nidificazione, che hanno permesso di accertare l' assenza di nidi e di attività riproduttive in corso. Rimangono attualmente escluse da quest' attività la Stazione Tricolore, dove la nidificazione non risulta ancora conclusa; la Stazione Solari e il Manufatto Indipendenza, tuttora sottoposti al parere vincolante della Soprintendenza Belle Arti e Paesaggio. Il taglio viene comunque effettuato solo sulle alberature non trapiantabili, che si trovano nell' impronta di scavo, o  per effettive esigenze nelle aree di cantiere. Larga parte della linea si trova in aree vincolate quindi ha avuto necessità anche di approvazione di Soprintendenza e Regione Lombardia. Il Piano di intervento sulle alberature per gli scavi M4 parte dal censimento messo a punto dal Settore Verde e Agricoltura del Comune di Milano. Tutti gli alberi sono stati mappati sulla base di una serie di indicatori, tra cui: specie, ubicazione, altezza, diametro, valore estetico, stato vegetativo, difetti riscontrati ecc. La metropolitana viene scavata con talpe sotterranee (tbm) e che vengono realizzati a cielo aperto solamente le stazioni e i manufatti intertratta  (uscite di sicurezza e impiantistica). Si tratta della modalità di scavo tipica di tutte le metropolitane in Europa". 

"Le migliorie - si legge ancora -  non hanno però riguardato solo gli alberi. In particolare, aggiungendo una nuova talpa per scavare la tratta centrale, è stato possibile salvaguardare la viabilità e il passaggio dei mezzi pubblici sull' asse del Lorenteggio ed inoltre utilizzare le gallerie affinché attraverso nastri trasportatori portino la terra di scavo delle gallerie direttamente ai capilinea riducendo drasticamente gli impatti ambientali e di traffico dei camion. La terra delle stazioni verrà trasportata attraverso camion euro 4 o di categoria ambientale superiore. Queste modifiche sono state fatte rientrare nel Quadro Economico dell' opera, quindi senza generare né extra costi, né modifiche alle tempistiche di realizzazione di M4:  88 mesi a partire da gennaio 2015".

Tags:
adriano celentanogiuliano pisapiavia gluck







A2A
A2A
i blog di affari
Le radici dell’Architettura
di Mariangela Turchiarulo
Green pass, il futuro del nuovo biocapitalismo della sorveglianza
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Obbligo Green pass decisione liberale
L'OPINIONE di Ernesto Vergani


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.