A- A+
Milano
Centro di produzione Rai al Portello, c'è l'ok del Cda
Lapresse

Centro di produzione Rai al Portello, c'è l'ok del Cda

Il Consiglio di amministrazione Rai ha approvato lo studio di fattibilità per la ridefinizione complessiva degli assetti produttivi e degli uffici amministrativi di Milano. L’implementazione - riporta LaPresse - è prevista entro l’inizio del 2025 e contempla il rilascio degli studi di Via Mecenate e una contestuale rivisitazione dell’area di Corso Sempione concentrando la produzione in un nuovo sito logistico, moderno e funzionale volto a rispondere alle esigenze sempre più tecnologiche della Rai del futuro.

A rendere necessaria questa decisione la scadenza del contratto di affitto dei locali di via Mecenate nel 2024-25, oltre alla necessità di prevedere una sede più idonea alle sfide tecnologiche del futuro del servizio radiotelevisivo. L’indagine di mercato per il reperimento di immobili adatti ai nuovi assetti produttivi e agli uffici amministrativi della sede milanese era stata avviata nel 2017.

La delibera è stata presa dopo le necessarie verifiche immobiliari e le stime economiche e finanziarie, anche di lungo periodo, effettuate sulla base dei dati attualmente disponibili dalle strutture aziendali competenti con il supporto di autorevoli advisor esterni.

L’obiettivo condiviso dai componenti di questo Consiglio di amministrazione - spiega LaPresse - è stato quello di non disperdere il lavoro progettuale fin qui realizzato da ben due consiliature, e quindi approvare lo studio di fattibilità e mettere così il prossimo Cda nelle condizioni migliori per assumere in piena consapevolezza ed autonomia le decisioni conseguenti. 

Rai al Portello, Fontana: se serve pronti a promuovere tavolo di lavoro con istituzioni 

"E adesso, avanti tutta!". Così il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, commenta la notizia dell'approvazione, da parte del Consiglio di amministrazione Rai, "dello studio di fattibilità per la ridefinizione complessiva degli assetti produttivi e degli uffici amministrativi di Milano". "La Lombardia e Milano, punti di riferimento nazionali dell'informazione e della comunicazione - prosegue Fontana - meritano questo riconoscimento, atteso da troppo tempo. Ora tutti i soggetti che, a vario titolo, ne hanno competenza devono collaborare e rendersi disponibili a fare la propria parte per garantire che il risultato venga raggiunto nei tempi previsti". "Come Regione Lombardia - conclude il presidente Fontana - siamo già pronti a mettere in campo tutte le nostre risorse e competenze e se necessario ci faremo promotori della costituzione di un tavolo di confronto che coinvolga anche tutte le Istituzioni".

Rai al Portello, Sala: finalmente il segnale che chiedevamo da tempo

"Finalmente il segnale che chiedevamo da tempo è arrivato. Oggi il Consiglio di Amministrazione RAI ha approvato il progetto di una nuova sede per il Centro di Produzione Rai di Milano nell'area del Portello, ex polo fieristico milanese. Felici che sia stata presa questa decisione. Ora tutti al lavoro per realizzare il progetto, dando nuove opportunità a quest'area di Milano e nuovi stimoli al sistema radiotelevisivo pubblico e alle sue capacità creative e produttive", ha scritto sui social il sindaco di Milano, Giuseppe Sala.

LEGGI ANCHE: EMEMEM: anche a Milano l’artista che trasforma in ARTE le BUCHE dell’ASFALTO

Commenti
    Tags:
    rai portellorai









    A2A
    A2A
    i blog di affari
    Covid, lo smart working è il paradiso soltanto per i gruppi dominanti
    L'OPINIONE di Diego Fusaro
    Lotta contro il razzismo, l'ennesimo strumento di controllo del tecnocapitale
    L'OPINIONE di Diego Fusaro
    Riminaldi incontra il Guercino e i giganti del Barocco
    Gian Maria Mairo


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.