A- A+
Milano
Change.org: petizione per ripristinare Uber Pop

Il sito Change.org ha lanciato una petizione online per ripristinare Uber Pop, il servizio bloccato da una recente sentenza del tribunale di Milano. Questo il testo della petizione, indirizzata a Comune di Milano, tribunale di Milano e Unione europea, per la quale si stanno raccogliendo sottoscrizioni: "Milano, il tribunale blocca 'Uber Pop' in tutta Italia: "E' concorrenza sleale, soprattutto durante Expo". Per molti, sarebbe come chiedervi di non utilizzare più whatsapp, prenotare un volo in agenzia e non su internet, usare la biblioteca e non più wikipedia, fermare il futuro. Si tratta di lasciare alle persone la liberà di muoversi, gestire le loro spese in totale indipendenza. In Italia, non è da sottovalutare nè la liberà di movimento nelle città, nè soprattutto, che grazie a Uber centinaia di persone hanno trovato una nuova fonte di reimpiego a garantire il reddito minimo per lavoratori licenziati per riduzione del personale, coloro che hanno da pagare l'istruzione per i propri figli o spese extra. Non lasciamo che l'Italia non si evolva a scacco di caste, lasciamo l'Italia libera di crescere".

Tags:
change.orguber poptaxi






A2A
A2A
i blog di affari
Nuovo Direttivo alla Camera Civile Salentina
Sanzioni Covid: arrivano le cartelle pazze
Femmmicidi-infanticidi, riflesso di una Italia che non sopporta le difficoltà
di Maurizio De Caro

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.