A- A+
Milano
Ciclabili, i Genitori antismog contro Censi: "Colpevolizza le vittime". VIDEO
Milano: la pista ciclabile fai-da-te sul ponte della Ghisolfa

Ciclabili, i Genitori antismog contro Censi: "Colpevolizza le vittime"

"Ci dispiace molto che l'assessora alla mobilità Arianna Censi abbia risposto in modo alquanto 'piccato' all'iniziativa dei cittadini che stanchi di aspettare le promesse dell'amministrazione hanno tracciato un'ottima corsia ciclabile fai-da-te sul ponte della Ghisolfa, e per la quale noi avevamo ironicamente ringraziato il Comune per celerità. L'assessora nel suo post -ora chiuso ai commenti, dopo la valanga di critiche ricevute- si spinge a colpevolizzare la vittima, accusando gli autori ignoti -a cui va la nostra solidarietà- della "bravata abusiva", come viene chiamata, di aver "messo in pericolo centinaia di persone, gli automobilisti e gli stessi ciclisti". Un ragionamento poco logico dato che quella striscia ha quanto meno marcato uno spazio pubblico già percorso dei ciclisti tutti i giorni, come rileva FIAB Ciclobby Onlus". Così, come riferisce Mia News, con un post i Genitori antismog tornano sulla polemica sulla ciclabile per il ponte della Ghisolfa, dopo il blitz della ciclabile 'fai da te' realizzata nei giorni scorsi e il commento dell'assessora alla Mobilità.

I Genitori antismog contro Censi: "Comune molto celere a favorire gli automobilisti"

"A questo punto proponiamo all'assessora una carrellata di strisce tracciate dal Comune che in teoria sono a norma - scrivono i Genitori antismog nel post, proponendo una serie di immagini di strisce per parcheggi realizzate sui marciapiedi -. Come si può notare, quando si tratta di incentivare e favorire le automobili, l'amministrazione è molto celere e molto fantasiosa nel tracciare linee per terra, anche ai limiti della legalità e probabilmente oltre. Assessora, guardi quanto spazio rubato alla pedonalità per qualche posto auto in più. Guardi come sia impossibile passare in questi marciapiedi per una persona con disabilità, per un genitore con il passeggino e come in generale tutti i cittadini che percorrono questi spazi si sentano invasi, oppressi, alienati dalle automobili. Neanche sul marciapiede il 'pedone' non viene lasciato in pace - prosegue il post -. Si tratta sempre di strisce di vernice tracciate a terra. Quella sul ponte della Ghisolfa dipinta dai cittadini era abusiva nella forma ma sacrosanta nella sostanza, queste tracciate dal Comune saranno -forse- a norma nella forma ma abusive nella sostanza.

E allora ci dimostri che ha davvero la volontà di cambiare questa città: da domani, anzi da oggi, cancelli subito queste obbrobriose strisce sui marciapiedi che legalizzano la pratica diffusa di parcheggiare sugli spazi pedonali, restituisca quel poco spazio pubblico rimasto ai cittadini. E nel contempo tracci quella corsia ciclabile sul ponte della Ghisolfa".

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    arianna censiciclabilegenitori antismogponte della ghisolfa






    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.