A- A+
Milano
Codogno, negativo il caso sospetto Covid dopo la riapertura Pronto soccorso
(fonte Lapresse)

A quanto apprende l'Adnkronos, è negativo al coronavirus Sars-Cov-2 il tampone del paziente sospetto Covid arrivato in pronto soccorso dell'ospedale di CODOGNO, che ha riaperto questa mattina dopo la chiusura del 21 febbraio scorso, quando fu diagnosticato il primo caso italiano, quello del cosiddetto paziente 1, Mattia.

Il paziente sospetto Covid era stato instradato su un percorso dedicato che lo isola dagli altri malati. In tutto fino ad ora sono sette i cittadini che si sono recati al pronto soccorso di Codogno dalla riapertura di questa mattina per varie problematiche, ma non Covid. 

Coronavirus, riapre il pronto soccorso dell'ospedale di Codogno

Riaperto ufficialmente il pronto soccorso dell'ospedale di Codogno, chiuso dalla notte tra il 20 e il 21 febbraio scorso, dopo l' accertamento del primo caso di Coronavirus in Italia, quello di Mattia.

Alla riapertura presenti oltre ai vertici della Asst di Lodi e ai dirigenti medici, anche Francesco Passerini, il sindaco del comune del Lodigiano, uno dei 10 compresi nella prima zona rossa, tra i simboli della lotta al Covid-19. 

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    coronavirusriaprepronto soccorsoospedale codognocoronavirus codogno






    A2A
    A2A
    i blog di affari
    Barbero sempre attaccato da quando si è dichiarato contro il Green Pass
    L'OPINIONE di Diego Fusaro
    Draghi, l’Ue e il neoliberismo che uccide la classe operaia
    L'OPINIONE di Diego Fusaro
    Zaino sospeso: l'iniziativa continua


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.