A- A+
Milano
Como, "te ne devi andare": vigilante caccia dalla stazione studente di colore
La stazione di Portichetto di Luisago

Como, "te ne devi andare": vigilante caccia dalla stazione uno studente perchè di colore

Un uomo di 41 anni, originario del Camerun, sarebbe stato vittima di un episodio di razzismo alla stazione ferroviaria di Portichetto di Luisago, Como. I fatti sono stati raccontati dalla compagna su Facebook. L'uomo, Georges Christian, in Italia da  13 anni ed in procinto di prendere la seconda laurea in medicina, sarebbe stato avvicinato attorno a mezzanotte sulla banchina da un vigilante che lo avrebbe invitato ad allontanarsi:  "Te ne devi andare fuori, punto e basta, esci o chiamo i carabinieri", avrebbe detto l'addetto a Georges, che aveva appena comprato il biglietto del treno per Milano e stava aspettando che passasse, come riferisce la compagna Fabiana sul social.

Questo quanto riferito dalla donna su facebook: "Ieri notte (martedì, ndr), ore 00:00 circa, il mio compagno si è dovuto recare con una certa fretta presso la stazione di Portichetto di Luisago per aspettare il treno diretto a Milano (con ipotetica partenza alle 00:12 ...ma questo non lo sapremo mai!). I motivi erano urgenti, delicati e personali (è stata una decisione impulsiva e forse il treno non sarebbe nemmeno passato considerando le restrizioni. Ma ormai era fatta! ). Il mio compagno si chiama Georges, è africano ed è in Italia da 13 anni e sta per conseguire la sua seconda laurea, in medicina. Arriva in stazione, acquista il biglietto, attende all’interno della saletta perché fuori fa freddo.  Ha con sè uno zaino con all’interno due cose: un libro di pediatria ed uno di cardiologia.  Avrebbe ingannato il tempo del viaggio provando a studiare, cosa che fa per tutto il giorno tutti i giorni. Nel frattempo chiacchiera con me al telefono per farci compagnia".

Prosegue la donna: "Sento aprirsi la porta della sala della stazione e.... “Tu!FUORI IMMEDIATAMENTE DA QUI”  “PERCHÉ’? Sto aspettando il treno!”  “Te ne devi andare fuori punto e basta”  “Ma...”  “Ancora? Esci! O chiamo i carabinieri”  “Per favore.Li chiami pure”  A quel punto io mi spavento molto e prego Georges di non controbattere perché quel signore urlava in un modo impressionante.  Georges mi da retta.  Torna a casa, quasi come se nulla fosse accaduto. “Non è la prima volta che mi succede e non sarà l’ultima. Ma non posso fare nulla perché eravamo solo io e lui e perché alla fine... cosa risolvi?”  No caro Georges! Io non ci sto a questa umiliazione gratuita solo per partito preso anzi , per COLORE preso. Nel 2021 siamo arrivati al 5G , esiste una specie di taxi spaziale , sono riusciti ad intercettare il DNA di un dinosauro .... ma un NERO seduto sulla panchina ad aspettare è ancora preistoria?! Caro vigilante... qualunque sia la tua età , ti auguro di non ritrovarti mai a doverti sentire umiliato (o un tuo figlio) perché sei bianco, seduto su una panchina, con un biglietto, ad aspettare un treno..."

La nota di Ferrovienord: "La guardia giurata ha avvisato l'uomo che il treno non sarebbe passato"

Questa la nota di Ferrovienord in merito all'episodio: "Poco prima della mezzanotte di martedì 9 febbraio, un dipendente della società incaricata della vigilanza, è entrato nella stazione di Portichetto Luisago per effettuare come tutte le sere le operazioni di chiusura e di messa in funzione dell'allarme antintrusione della sala d'attesa. In quel momento, all'interno della sala d'attesa, era presente una persona che è stata invitata ad uscire proprio per consentire la chiusura dello scalo dal momento che l'ultimo treno in direzione Milano era passato alle 23:27. La guardia giurata si è messa in comunicazione, tramite help point, con il Posto Centrale di Saronno che ha comunicato alla persona il fatto che non ci sarebbe stato alcun treno in direzione Milano alle 00.12 poiché si trattava di una corsa sostitutiva effettuata con autobus. A quel punto la persona è uscita. La stazione è stata chiusa ed è stato inserito l'allarme antintrusione della sala d'attesa alle ore 24.00"

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    comorazzismovigilantestazioneportichetto di luisago






    A2A
    A2A
    i blog di affari
    I mercati auspicano una donna come capo dello Stato: Belloni o Cartabia
    L'OPINIONE di Ernesto Vergani
    CONSULTAZIONI EUROPEE, PROGETTI PER BIBLIOTECHE, SCUOLE E GLI OVER 65
    Boschiero Cinzia
    Lions aiuta la protezione civile con la "Project bag"


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.