A- A+
Milano
"Comune vietato alla 'ndrangheta": nuovi cartelli stradali a Trezzano
Trezzano sul Naviglio "Comune vietato alla 'ndrangheta"

Sono stati piantati dal primo cittadino di Trezzano sul Naviglio, Fabio Bottero, e dal massmediologo Klaus Davi, con la partecipazione del Presidente Anci Lombardia, Roberto Scanagatti, i primi cartelli stradali in Italia contro la presenza delle 'Ndrine sul territorio della cittadina milanese. I primi due cartelli sono stati collocati agli ingressi principali della citta', uscendo dalla tangenziale ovest sulla SS494 nuova vigevanese e in viale Europa sul confine Cusago / Trezzano sul Naviglio, mentre un terzo e' stato posizionato davanti al Municipio in via IV novembre. Altri cartelli sono stati inoltre disseminati in diversi punti strategici della citta' davanti alle varie sedi degli uffici comunali dislocati in via Boito, in via Tintoretto e di fronte al Centro socio culturale 'Carlo Alberto Dalla Chiesa' in via Manzoni.

Trezzano cartello okTrezzano sul Naviglio "Comune vietato alla 'ndrangheta"
 

I cartelli all'entrata del Comune sono stati collocati in via sperimentale in quanto la rigidissima normativa sulla segnaletica stradale non prevede l'utilizzo di cartelli simili. Ma i promotori confidano in una deroga del Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Graziano Delrio (che sovrintende questo tipo di normative) affinche' diventino definitivi. Trezzano sul Naviglio e' considerata una delle citta', con Buccinasco e Corsico, con la piu' alta e radicata presenza di cosche calabresi sul territorio. Recentemente il Sindaco Bottero era stato oggetto di minacce via lettera.

"Trezzano vuole liberarsi dalle cosche. La nostra citta' ospita alcune aziende assolutamente eccellenti a livello internazionale. Il tessuto sociale e' sano. Ma non si riesce a rimuovere il problema." Per Klaus Davi - ideatore della campagna Anci "100 comuni contro le mafie " - "le cosche occupano il territorio e bisogna dare una risposta territoriale. La politica si sta 'galvanizzando' con l'Expo con un incredibile processo di rimozione del problema mafia. Mentre a loro volta le cosche si alimentano del silenzio e avanzano inesorabilmente".

Tags:
fabio botteroklaus daviroberto scanagattindranghetamafia







A2A
A2A
i blog di affari
Oggetto sociale srl: più è ampio, meno paghi
Gianluca Massini Rosati
L’intelligence come tutela della democrazia del Paese
Daniele Salvaggio, Imprese di Talento
Solidarietà ai bielorussi contro Lukashenko, ultimo dittatore d’Europa
L'OPINIONE di Ernesto Vergani


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.