A- A+
Milano
Coppia dell’acido, Alex: "Affidatemi mio figlio. Voglio vederlo"
Alexander Boettcher e Martina Levato

Alexander Boettcher, condannato a 14 anni per un'aggressione con l'acido assieme all'amante Martina Levato, si è costituito come parte, attraverso i suoi legali, nel procedimento di adottabilità del figlio, partorito a Ferragosto dalla ragazza. Nell'atto il broker chiede, in sostanza, che il bimbo venga affidato a lui o alla nonna paterna e di poter vedere il piccolo al più presto con la regolamentazione delle visite, come accaduto per la giovane.

Come spiegato dal legale Valeria Barbanti e riportato dal Secolo XIX - è stato depositato al Tribunale per i Minorenni un atto con il quale Alexander, dopo la conclusione della procedura di riconoscimento del bimbo, "è entrato formalmente nel procedimento assieme alla madre Patrizia Ravasi".

 

I legali del broker si attendono - si legge ancora sul quotidiano genovese - che "almeno entro la prossima settimana", i giudici minorili o i servizi sociali comunichino ad Alexander e alla nonna tempi e modalità delle visite al bimbo, concesse nel provvedimento dei magistrati emesso nei giorni scorsi. Per quanto riguarda le visite di Martina e dei nonni materni sono già state regolate dai servizi sociali.

Tags:
coppiaacidomilanoalexaffidatementofiglio







A2A
A2A
i blog di affari
Covid, aspettiamo che arrivi un governo militare: del resto "siamo in guerra"
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Filming Italy Sardegna Festival, conclusa la 4ª edizione con oltre 50 titoli
Alkemia sigla contratto triennale con l’India per materie prime


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.