A- A+
Milano
Coronavirus, Sala: serve chiarezza e verità sui numeri
Beppe Sala

Coronavirus, Sala: serve chiarezza e verità sui numeri, non rassicurazioni

"Serve maggior chiarezza sui dati del contagio a Milano. A chiederlo al presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, e' il sindaco Giuseppe Sala nel consueto videomessaggio pubblicato sulle sue pagine social per fare il punto sull'emergenza coronavirus. "C'e' una grande incertezza - ha osservato - cioe' quella del numero dei contagi. Alle volte sono anche un po' in imbarazzo a parlare di contagi perche' sul mio computer ho dei dati e vedo che dall'inizio della pandemia il dato progressivo dei contagi e' pari a 7.116, ma ho medici e scienziati che mi parlano altri numeri. Prendo ad esempio - continua Sala - un'intervista di oggi del professore Carlo La Vecchia della Statale, di cui mi fido, in cui dice che a Milano i contagiati - a suo parere ma e' un parere condiviso dalla scienza - vanno dai 150 a 300mila quindi noi dibattiamo sui social su quei 7.116 quando poi abbiamo i medici che ci dicono fino a 300mila. Capite quindi l'incertezza e l'imbarazzo. Io sto chiedendo al presidente Fontana maggiore chiarezza su questi numeri cioe' da dove nasce quella misurazione perche' voglio cercarvi di trasmettere la verita'", ha sottolineato il sindaco.

Il sindaco di Milano, Giuseppe Sala, nel suo consueto videomessaggio sui social rassicura i cittadini che si sta lavorando per preparare la città alla Fase 2, ma per farcela, è il senso del suo messaggio, è necessaria la collaborazione di tutti. "C'è un dopo e bisogna pensarci adesso. Non sono parole mie ma di Mario Draghi che le ha pronunciate all'inizio della pandemia e il senso è bisogna lavorare, pianificare e non farsi cogliere impreparati - ha detto - Visto che l'argomento del giorno è il 4 maggio e la riapertura, la cosiddetta Fase 2, io vi voglio rassicurare sul fatto che stiamo lavorando per preparare la città, i suoi servizi, la mobilità e tutto quanto alla riapertura". Tuttavia, aggiunge: "Sarà assolutamente importante la vostra collaborazione, sarà uno sforzo collettivo. Milano non è come un'auto che giri la chiave ed è un motore che si accende, ci sono tanti motori che siamo noi, servirà un atteggiamento collaborativo da parte di tutti". "E' una mia convinzione, - precisa alla fine - ma non c'è una fase 1 e una fase 2, ci sarà una fase 2, 3, 4 ci vorrà un'attenta gestione per non ritornare alla fase 1. Ma se lavoreremo insieme ce la faremo". 

Loading...
Commenti
    Tags:
    coronavirussalafontanachiarezzacoronavirus milanocoronavirus lombardiacoronavirus tamponi







    UNA RETI
    A2A
    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    i blog di affari
    Assegno di mantenimento, si deve versare anche se si è appellata la sentenza?
    di avv. Andrea Prati*
    Autostrade, basta coi privati: le aziende strategiche devono tornare pubbliche
    Milano Vapore. Serre verticali smart a Milano per frutta e verdura sostenibili
    Paolo Brambilla - Trendiest


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.