A- A+
Milano
Cospito, l'avvocato: "Sciopero della fame perchè al 41 bis non può leggere"
Alfredo Cospito

Cospito, l'avvocato: "Sciopero della fame perchè non può leggere"

Non poter leggere quello che vuole quando vuole è uno dei motivi principali che hanno portato Alfredo Cospito ad avviare lo sciopero della fame contro il 41 bis. Così i legali dell'anarchico detenuto ad Opera ad un incontro organizzato dalla Camera penale di Milano. I detenuti in regime di carcere duro possono infatti, ha ricordato Maria Teresa Pintus,  "leggere solo i libri della biblioteca del reparto 41 bis, salvo autorizzazione del magistrato di sorveglianza per accedere ai libri contenuti nella biblioteca centrale". Ma anche la maggior parte di questi "per Alfredo non bastano", spiega il legale di ritorno da una visita all'ospedale San Paolo, dove al momento è ricoverato il suo assistito.

L'avvocato: "Cospito dice che potrebbe morire senza poter leggere"

"Lui dice: perché non posso più leggere i libri che mi hanno fatto grande? Perché non posso leggere quella che è una storia che fa parte di me? Lui lo dice, potrebbe morire senza poter leggere, senza poter scrivere, senza poter continuare a studiare".

Iscriviti alla newsletter
Tags:
41 bisanarchicocarcerecospitoleggereletturalibrisciopero






Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.