A- A+
Milano
Covid: in Lombardia 5.077 nuovi casi. Avviati trattamenti con monoclonali
(fonte Lapresse)

Covid: in Lombardia 5.077 nuovi casi e 100 decessi

Coronavirus in Lombardia, questi i dati del 26 marzo: tamponi effettuati: 60.804 (di cui 40.139 molecolari e 20.665 antigenici) totale complessivo: 7.942.837; nuovi casi positivi: 5.077 (di cui 160 'debolmente positivi'); guariti/dimessi totale complessivo: 583.133 (+2.400), di cui 6.287 dimessi e 576.846 guariti; in terapia intensiva: 848 (+3); ricoverati non in terapia intensiva: 7.111 (-21); decessi, totale complessivo: 30.285 (+100). I nuovi casi per provincia: Milano: di cui 1.460 a 625 Milano città; Bergamo: 317;Brescia: 696; Como: 427; Cremona: 189; Lecco: 171; Lodi: 84; Mantova: 287; Monza e Brianza: 548; Pavia: 262; Sondrio: 66; Varese: 472.  Tasso di positività 8,3%.

Covid, in Lombardia avviati trattamenti con monoclonali

Avviate le cure attraverso trattamenti monoclonali su pazienti affetti da Covid. "Un'altra arma, in questo caso come terapia, da mettere in campo nella nostra sanità di guerra contro il Covid" commenta la vicepresidente e assessore al Welfare di Regione Lombardia, Letizia Moratti. Gli anticorpi monoclonali sono proteine in grado di neutralizzare gli antigeni, cioè quelle sostanze estranee all'organismo, come virus e batteri. Questi anticorpi sono di estremo interesse perché possiedono affinità altamente specifica per combattere il Covid legandosi facilmente al virus che viene così neutralizzato.

"A oggi - aggiunge Moratti - tra Asst, Irccs pubblici e privati accreditati, in Lombardia i centri autorizzati alla prescrizione e somministrazione di questi trattamenti sono le 17 infettivologie presenti sul nostro territorio, oltre all'Asst Valtellina e Alto Lario. Sono poi in attesa di autorizzazione altre cinque Asst. Autorizzazione che di fatto andrà ad ampliare la platea di persone, affette da Covid di recente insorgenza e con sintomi lievi e moderati, che potranno essere curate con queste modalità".

Il via libera di Aifa e del Ministero della Salute alle cure a base di anticorpi monoclonali è arrivato febbraio e la selezione del paziente è affidata ai Medici di medicina generale, ai pediatri di libera scelta, ai medici delle Usca e più in generale ai medici (medicina interna, malattie infettive e pneumologia) che abbiano l'opportunità di entrare in contatto con questi pazienti che poi saranno presi in carico dalle struttura ospedaliere e ambulatoriali.

"Si tratta di una nuova frontiera per fronteggiare la terza ondata Covid che sta colpendo fasce di popolazioni più giovani cercando di scongiurare così una maggiore ospedalizzazione - conclude Moratti - Una tappa importante verso le Biotecnologie, del resto in Italia e in Lombardia ci sono le competenze per sviluppare questo tipo di innovazione". 

 

Commenti
    Tags:
    covid in lombardiacoronavirus milanocoronavirus in lombardia
    Loading...










    A2A
    A2A
    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    i blog di affari
    Ddl Zan, ecco perchè è un grave tentativo di imporre il pensiero unico
    Superlega: ecco chi c'è davvero dietro alla bomba sul calcio
    Beppe Grillo come il noto "Marchese": garantista solo quando pare a lui
    L'opinione di Maurizio De Caro


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.