A- A+
Milano
Covid, la super perizia di Crisanti: "Nella Bergamasca evitabili 2mila morti"

Covid, la super perizia di Crisanti: "Nella Bergamasca evitabili 2mila morti"

Il virologo Andrea Crisanti ha depositato ieri in Procura a Bergamo la sua super perizia che ricostruisce i primi mesi della pandemia e alcuni dei passaggi cruciali di quei giorni del 2020 in Val Seriana, zona che è stata fra le prime in Lombardia ad essere travolta dallo tsunami Covid, nella prima ondata pandemica: "Sono emerse delle criticità sull'applicazione del piano pandemico e sono emerse delle criticità sull'attivazione della zona rossa. Queste criticità sono al vaglio della procura di Bergamo. Non è detto che una criticità sia per forza penalmente rilevante. Questo lo deve decidere il procuratore", ha detto.

"Emerse delle criticità, la procura valuterà"

Crisanti ha aggiunto, interpellato da Adnkronos: "Mi è stato chiesto di fare una simulazione su quale sarebbe stato l'impatto della zona rossa sulla trasmissione e sulla mortalità - ha spiegato il direttore del Dipartimento di medicina molecolare dell'università di Padova, interpellato dall'Adnkronos Salute - Questo è stato fatto. Ma non darò nessun dettaglio. Sono emerse delle criticità, la procura le valuterà".

Dalle 2mila alle 4mila vittime evitabili

Secondo quanto riferisce Repubblica, nel dossier si parla di un range tra le 2mila e 4mila vittime che si sarebbero potute evitare se fosse stata applicata tempestivamente la zona rossa nel Bergamasco. La stima si basa sul metodo relativo alla ipotetica progressione del virus da Stefano Merler, consulente del Comitato tecnico scientifico.

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    andrea crisantibergamascamorti covid zona rossaperiziaprima ondata






    A2A
    A2A


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.