A- A+
Milano
Cub, niente sciopero. Gli altri sindacati: "Era bluff". Atm: "Non si tratta"
tram a milano

La Cub Trasporti ha accolto l'invito del prefetto di Milano, Francesco Paolo Tronca, a sospendere l'agitazione del trasporto pubblico locale indetto per mercoledì 24 sull'intera rete. Il rinvio è stato disposto "per verificare - dice il sindacato - se anche Atm sarà disponibile ad aprire, a breve, una nuova fase e condividere un nuovo percorso, perché un tavolo negoziale che affronti i numerosi problemi tranvieri milanesi è ineludibile: da riposi compensativi, ferie, straordinari, assunzioni, riduzione dei permessi sindacali, a salute e sicurezza".

Dura tuttavia la reazione delle altre sigle sindacali, sulla posizione assunta dai Cub che ha condotto al rinvio: "La Cub - recita un comunicato congiunto - aveva la possibilità di fare effettivamente sciopero, per la prima volta le organizzazioni sindacali firmatarie e il Coordinamento Atm la avevano sfidata sul numero reale delle adesioni allo sciopero. Di fronte a tutto questo la Cub ha scelto di sospendere lo sciopero essendo evidente il fatto che i lavoratori non avrebbero aderito allo stesso. Viene meno il bluff che abbiamo sempre denunciato: la Cub non vuole misurarsi mai col consenso e non vuole prendersi mai la responsabilità delle proprie azioni. Ora basta polemiche, basta populismi spicci. L'accordo c'è e sta funzionando. Con le risorse date non esistono alternative credibili".

Da parte della stessa Atm giunge inoltre la precisazione che non c'è disponibilità ad aprire nuove trattative per ridiscutere l'accordo raggiunto con le sigle sindacali.

MARAN: "DA SINDACATI GRANDISSIMA RESPONSABILITA'"/ L'assessore comunale alla Mobilità, Pierfrancesco Maran, a proposito del rientro dello sciopero dei dipendenti Atm, proclamato dalla Cub per domani 24 giugno, scrive su facebook: "Tutti i sindacati effettivamente rappresentativi in Atm (Filt-Cgil, Fit-Cisl, Uilt-Uil, Faisa-Cisal, Ugl trasporti, Orsa, Sama) hanno firmato ieri un chiarissimo comunicato congiunto a difesa dell'accordo che hanno sottoscritto con l'Azienda che ha portato il Cub a desistere sullo sciopero.Credo che sia una grandissima prova di responsabilità da parte dei sindacati che dimostrano di mettere la faccia rispetto a un accordo difficile ma oggettivamente uno dei migliori possibili date le situazioni economiche del Paese e che ha visto un grande lavoro da parte loro e dell'Azienda. Questo approccio dei sindacati non può essere ignorato dalla politica e ritengo necessiti una accelerazione sui tavoli nazionali per il rinnovo del contratto. La responsabilità dimostrata dai sindacati in questa occasione deve essere la stessa che dovranno dimostrare Governo e aziende per chiudere un accordo che si rinvia ormai da 8 anni".

Tags:
cubscioperotrasporto pubblicocgilcisluilfrancesco paolo tronca







A2A
A2A
i blog di affari
Caso MPS, ragionevoli le condizioni poste da Unicredit per l’acquisizione
L'OPINIONE di Ernesto Vergani
Vaccini, a settembre in arrivo la terza dose: strumento della nuova normalità
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Due ori italiani a Tokyo 2020, ma “ex aequo” Tamberi (un po’) stonato
L'OPINIONE di Ernesto Vergani


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.