A- A+
Milano
De Corato si dimette da consigiere regionale
Riccardo De Corato

De Corato si dimette da consigiere regionale

Riccardo De Corato ha confermato e protocollato le dimissioni da consigliere regionale della Lombardia. Già assessore alla Sicurezza, al quale è subentrato Romano La Russa, l'esponente di Fratelli d'Italia è candidato con la lista di centrodestra per la Camera, nel collegio di Rozzano, alle prossime elezioni politiche del 25 settembre. Le dimissioni depositate da De Corato fanno seguito a quelle già rassegnate a fine agosto e, in occasione della seduta dello scorso 8 settembre, respinte dall'Assemblea parlamentare regionale con 32 voti contrari, 4 astenuti e 1 voto a favore: in quell'occasione, i rappresentanti dei gruppi di minoranza non avevano partecipato al voto. Le dimissioni non dovranno quindi più essere sottoposte alla votazione del Consiglio regionale che sarà chiamato a una semplice presa d'atto. A norma di regolamento, la presa d'atto deve avvenire nella prima seduta di Consiglio regionale utile, già calendarizzata per il prossimo 4 ottobre. In tale data le dimissioni saranno esecutive e a De Corato subentrerà Franco Lucente.

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    consiglio regionalelombardiariccardo de corato






    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.