A- A+
Milano
Violentata in ospedale, poi si suicida: era ricoverata per abusi in famiglia

Ventunenne violentata al pronto soccorso, si suicida 24 ore dopo

Una ragazza di 21 anni ha denunciato di aver subito una violenza sessuale nella notte tra il 27 e il 28 maggio all'ospedale di Vizzolo Predabissi, nel Milanese e dopo meno di 24 ore si è tolta la vita lanciandosi dal quarto piano della struttura sanitaria.

Fermato il possibile autore: un uomo ricoverato in struttura

Come riferisce Adnkronos, per la violenza sessuale, avvenuta nella notte tra lunedì 27 e martedì 28 maggio, i carabinieri di Melegnano hanno eseguito un fermo di indiziato di delitto nei confronti di un uomo, che come la ragazza era ricoverato nell'ospedale. L'aggressore è un 28enne italiano nato in Ucraina, incensurato e di professione magazziniere, riferisce il quotidiano Il Giorno.

La giovane era giunta in ospedale per presunti abusi in famiglia

L'uomo, ricoverato al pronto soccorso dopo una notte ad alto tasso alcolico in compagnia di amici, ha riferito di un rapido rapporto consensuale. Ben diversa la versione della giovane, che aveva riferito ai carabinieri di essere stata prima molestata verbalmente, poi palpeggiata e violentata. Poi si è divincolata e ha chiesto aiuto agli infemieri. In pochi minuti sono arrivati i carabinieri che hanno bloccato il presunto aggressore. La ragazza è stata trasportata alla Mangiagalli e poi è stata riaccompagnata nell'ospedale di Vizzolo, reparto Ginecologia. Avrebbe dovuto essere trasferita in una struttura protetta ed invece si è gettata dal quarto piano. Oggi si è appreso che la giovane si era originariamente presentata all'ospedale di Vizzolo per presunti abusi in famiglia.

L'Asst Melegnano: "Tutto l'ospedale è sotto choc"

"Tutto l'ospedale è ancora sotto choc. Come Asst abbiamo subito avviato un audit interno per verificare quanto accaduto. La Regione Lombardia è stata immediatamente informata e si sono avviati congiuntamente ulteriori approfondimenti". E' quanto riferisce in una nota l'Asst di Melegnano e della Martesana. "La totale collaborazione dell'Asst è stata offerta alla magistratura e vista la delicata situazione resta il massimo riserbo sulla vicenda", conclude l'azienda sanitaria.  E' arrivata  nella tarda mattinata di venerdì all'ospedale di Vizzolo Predibissi, nel Milanese, la commissione di valutazione costituita da Regione Lombardia e guidata dal vicedirettore Welfare Alberto Ambrosio.








Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.