A- A+
Milano
Design: a Milano dal 2020 il museo più grande d'Europa

Design: a Milano dal 2020 il museo più grande d'Europa

Il presidente della regione Lombardia, Attilio Fontana, e l'assessore al Turismo, Marketing Territoriale e Moda, Lara Magoni, hanno partecipato alla conferenza stampa di presentazione del Museo del Compasso d'Oro ADI, l'Associazione del Disegno Industriale.

Il Museo avra' sede a Milano e sara' inaugurato nel 2020: si trattera' del piu' grande d'Europa dedicato al design. Un progetto che nasce grazie alla collaborazione tra il governo, regione Lombardia, il comune di Milano, l'ADI e la Fondazione ADI Collezione Compasso d'Oro.

"La presentazione di oggi - ha detto Fontana - e' la dimostrazione che a Milano e in Lombardia e' possibile trovare forme di collaborazione positive per realizzare un lavoro eccellente. Era un progetto che davvero mancava e che non poteva che sorgere qui: perche' il design e' Milano, perche' il design e' la Lombardia. Da parte della Regione - ha concluso il presidente - troverete sempre la massima disponibilita' per collaborare sui temi che caratterizzeranno il vostro percorso e lo sviluppo di questa iniziativa".

"Si tratta di un progetto unico a livello europeo - ha detto l'assessore Magoni - ed e' una opportunita' eccezionale per far acquisire a Milano e alla Lombardia una dimensione sempre piu' internazionale. Regione Lombardia crede fermamente nel design, volano economico fondamentale non solo a livello regionale ma in ambito nazionale. Il Museo permettera' ancora una volta di metter in mostra la creativita' e il genio dei nostri designer, eredi dello spirito del grande maestro Leonardo Da Vinci. Il Museo e' dunque un regalo per il futuro dei nostri giovani, che avranno la possibilita' di ammirare opere tra tradizione e innovazione che hanno fatto scuola, un esempio pratico per creare un avvenire migliore".

Il Museo, previsto nella zona del 'Monumentale', avra' una superficie di 5.135 metri quadrati, di cui 3.000 riservati alle aree espositive: una rassegna permanente con gli oggetti premiati dal 1954 sino da oggi, con oltre 2.300 pezzi in collezione, mostre tematiche, spazi per riunioni di lavoro ed eventi pubblici. Nell'area avranno sede, con il museo, gli uffici dell'ADI e della Fondazione ADI, sale riunioni, la biblioteca e l'archivio storico dell'ADI (che raccoglie oltre sessant'anni di documenti storici del design italiano), un bookshop e una zona dedicata alla ristorazione.

Un settore, quello del design, strategico per la Lombardia, visto che - come riferisce la Camera di Commercio di Milano, Monza Brianza e Lodi - nel 2017 ha generato un fatturato di 8,6 miliardi, con 3 miliardi di export, oltre 14 mila imprese del settore e 56 mila addetti. Per quanto concerne le altre provincie lombarde, dopo Milano (3.548)e Monza (2.446), per numero di attivita' ci sono Como (1.795),Brescia (1.637) e Bergamo (1.623). Per addetti, dopo Monza(12.103) e Milano (11.586), ecco Como (8.800), Bergamo (6.546) e Brescia (5.723).

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    design






    A2A
    A2A
    i blog di affari
    Il New York Times minimizza l'omicidio del ricercatore italiano Davide Giri
    L'OPINIONE di Diego Fusaro
    Italia 2^ in UE per abbandono universitario
    Massimo De Donno
    Super Green Pass, boom di disdette: la distruzione di economia e lavoro
    L'OPINIONE di Diego Fusaro


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.