A- A+
Milano
Droga: operazione Sottobosco, 5 arresti per spaccio nel Comasco

Droga: operazione Sottobosco, 5 arresti per spaccio nel Comasco

I finanzieri della compagnia di Erba, nell'ambito dell'operazione 'Sottobosco', hanno dato esecuzione ad una misura restrittiva personale emessa dal Gip del tribunale di Como nei confronti di 5 soggetti di nazionalita' marocchina, di cui 4 in carcere e uno con obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria. L'accusa e' di spaccio di sostanze stupefacenti in alcuni comuni delle province di Como, Lecco e Monza Brianza. Lo rende noto un comunicato. L'attivita' di polizia di giudiziaria, viene spiegato, trae origine dal ritrovamento di un cellulare ed alcune dosi di hashish su un'autovettura con due soggetti a bordo che, dopo un inseguimento nel comune di Arosio, in provincia di Como, da parte dei finanzieri, erano riusciti a darsi alla fuga abbandonando l'auto.

L'esame dei tabulati telefonici del cellulare, disposto dal magistrato inquirente, ha consentito di risalire all'utilizzatore e alla sua rete di spaccio determinandone l'arresto nel mese di luglio dello scorso anno. Gli ulteriori accertamenti investigativi effettuati, attraverso attivita' di intercettazione telefonica, pedinamenti, osservazioni e acquisizione di informazioni dagli acquirenti, hanno consentito di identificare e segnalare alla magistratura lariana 5 soggetti marocchini (4 uomini, tra cui il soggetto gia' arrestato e una donna), che vivono a Milano, Pavia, Garbagnate Monastero e Rogeno (in provincia di Lecco). Complessivamente, per il periodo ottobre 2018 - dicembre 2019, sono stati sequestrati tre autoveicoli, due cellulari, denaro contante frutto dello spaccio nonche' ricostruite 3.165 cessioni di sostanza stupefacente del tipo cocaina per un totale di 1.200 grammi del valore di 110.000 euro circa. L'esecuzione dell'ordinanza e' durata alcuni giorni considerato che i responsabili, frequentemente, si trasferivano in nuovi territori senza effettuare le dovute comunicazioni agli uffici comunali. Inoltre, due di loro, residenti in zona Lorenteggio a Milano e risultati essere chiedenti asilo per motivi umanitari, all'atto dell'arresto, sono stati trovati in possesso di 17 cellulari, 14 schede telefoniche e 1.000 euro in contanti. Altri due soggetti sono stati raggiunti - uno, gia' detenuto per il precedente arresto - nella casa circondariale di Como e uno nel comune di Rogeno per la notifica dell'obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria. L'ultimo dei soggetti risulta, al momento, non reperibile sul territorio nazionale.

Loading...
Commenti
    Tags:
    arresti droga comospacciodroga

    Regione Lombardia Video News








    A2A
    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    i blog di affari
    Il Global Management Challenge anche in Italia. Gratis per i team di studenti
    Paolo Brambilla - Trendiest
    Tg1, Carboni conduce al posto di Giorgino. Ecco il retroscena clamoroso
    Di Francesco Fredella
    MUSICA. Il COVID-19 non lo ferma: Filippo Pezzini lancia l’album “Flemmatico”
    Greta V.Galimberti


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.