A- A+
Milano
Centro abbandonato e teatri vuoti. Milano si rivolta contro Expo

Ristoratori, commercianti, direttori di teatro e anche la Veneranda Fabbrica del Duomo. Gli ingressi nei teatri sono calati dell'80%. E le visite alla Cattedrale sono meno del previsto. A Milano si scagliano tutti contro l'Expo "cannibale". Il centro della città non sta vivendo benissimo questo inizio di Esposizione Universale. La critica, quasi unanime, è di una certa cannibalizzazione dell'evento che sta attirando a sé visite e denaro, lasciando un po' abbandonato il resto della città.

Per primi si erano lamentati i ristoratori, che si erano scagliati contro l'accentramento nelle strutture di Expo e contro l'allargamento dell'orario di visita. Anche per i commercianti lo stesso discorso, i benefici sperati non si sono per ora visti. Ora si aggiungono anche i teatri, che in questa stagione hanno investito parecchio con aperture straordinare fuori stagione e spettacoli di primo livello con conseguenti aumenti dei cachet da pagare. Il tutto nella speranza di vedere aumentate le presenze in sala. Cosa che per ora non è successa.

L'ingresso serale a 5 euro sta catalizzando tutti a Rho e a Expo. E così i teatri soffrono. "Beninteso, sono tutti i cittadini della zona" spiega a Il Giornale il direttore del teatro Nuovo a San Babila, Lorenzo Vitali "non certo gli stranieri, che finora nessuno ha visto. Noi l'anno scorso a quest'ora avevamo la sala piena, ora non ci sono più di cento persone per sera. È la conseguenza di un Expo serale con prezzi popolari che si è trasformato in una specie di fiera della salamella".

Sotto le aspettative anche le visite al Duomo. L'aumento delle visite nel mese di maggio è stato del 10-15% rispetto allo stesso mese dello scorso anno. Numeri ben al di sotto di quello che si sperava. I 50 mila visitatori medi al giorno sono ancora lontani da raggiungere, anche se la Veneranda Fabbrica del Duomo si mantiene fiduciosa per i prossimi mesi, soprattutto quando chiuderanno le scuole. Staremo a vedere, quel che è certo è che per il momento il centro di Milano non vede Expo di buon occhio.

Tags:
expoteatri







A2A
A2A
i blog di affari
Green pass, l'irresponsabile accettazione cadaverica del nuovo Leviatano tecnosanitario
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Covid, aspettiamo che arrivi un governo militare: del resto "siamo in guerra"
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Filming Italy Sardegna Festival, conclusa la 4ª edizione con oltre 50 titoli


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.