A- A+
Milano

IMPRESE-LAVORO.COM - Milano –  “Il pareggio sul campo di Milano per l’Ema, con la sconfitta al sorteggio, non attenua l’amarezza e la sorpresa, perchè in ballo c'erano anche tanti posti di lavoro”, commenta Danilo Galvagni, segretario della Cisl milanese. “L’entusiasmo, forse eccessivo, che ha accompagnato il tentativo della metropoli lombarda di portare a casa l’agenzia europea del farmaco, ha fatto perdere di vista però la realtà delle cose. Perché l’Italia, con le sue politiche sull’immigrazione rischia di essere un vicino ingombrante. Non va dimenticato il contenzioso sempre aperto, alle nostre frontiere, a partire dal versante francese di Ventimiglia. Per arrivare poi all’atteggiamento di sfregio nei confronti del governo spagnolo scelto dal sindaco Sala in occasione delle manifestazioni pro migranti e del movimento indipendentista di Barcellona. Basta e avanza per farsi tanti nemici in Europa. Ora l’amministrazione pensi alla Milano dei milanesi, alla casa, al lavoro.  “Milan l'è un gran Milan” prima ancora di essere una capitale europea perché sa guardare i suoi figli, compresi gli undicimila bambini denutriti e le tante famiglie che vivono in povertà”, conclude Galvagni.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
danilo galvagniema milanoagenzia farmaco milanoagenzia farmaco amsterdam






A2A
A2A
i blog di affari
Ddl Zan, e se un ragazzo dicesse di essere un coccodrillo?
L'OPINIONE di Ernesto Vergani
Ddl Zan affossato, la proposta liberticida coerente con il pensiero unico
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Perugia, un “Green Table” per la cultura ambientale del mondo
di Maurizio De Caro


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.