A- A+
Milano
Le Case dell'Acqua dissetano i visitatori Expo. Già erogati 870mila litri

Buona, liscia, gassata, gratuita: è l’acqua erogata dagli impianti allestiti in Expo da Gruppo CAP (gestore del servizio idrico della provincia di Milano) e MM (gestore del servizio idrico della città di Milano), impianti installati per dissetare i visitatori durante tutti i sei mesi dell’Esposizione Universale in modo gratuito e sostenibile. Sono 32 le Case dell’Acqua realizzate dalle due aziende pubbliche sulla base di un accordo siglato con Expo nel 2012. Ad oggi le 22 Case già funzionanti (le ultime 10 saranno collaudate a breve) hanno erogato 865.695 litri (di questi il 54% naturale e il 46% frizzante), vale a dire circa 1200 litri al giorno per ciascuna.

Un trend in crescendo: nella sola giornata di lunedì 1 giugno, per esempio, le 22 Case hanno erogato 58.833 litri, quasi 2700 litri al giorno per ciascuna. In base alla telelettura dei dati, il picco dei consumi risulta tra le 15 e le 17. Gruppo CAP ed MM hanno raccolto l’invito di Expo 2015 e si sono impegnate per servire l’area con una rete di punti di erogazione dell’acqua di rubinetto, come era già stato fatto all’estero nelle precedenti edizioni di EXPO (per esempio a Saragoza e Shangai).

Ma l’edizione italiana ha una marcia in più rispetto alle precedenti, dal momento che le Case dell’Acqua si avvalgono dell’esperienza, dell’innovazione e del design made in Italy: i 32 erogatori sono in grado infatti di distribuire acqua del rubinetto anche in versione refrigerata e frizzante (grazie alla semplice aggiunta di anidride carbonica) per permettere di dissetarsi in sicurezza e di evitare inutili consumi di plastica. Le Case dell’Acqua sono una best practice tutta italiana, che oggi si sta diffondendo anche all’estero (Parigi, Bruxelles, Londra, Australia) grazie al know how e a fornitori spesso italiani. A pieno regime le 32 Case dell’Acqua di Expo saranno in grado di erogare complessivamente 40 milioni di litri per i sei mesi di Expo.

Le strutture installate in Expo sono decisamente innovative rispetto ai modelli già noti sul territorio milanese e lombardo. Innanzitutto sono più piccole e più performanti, in grado di dissetare più persone in contemporanea. Inoltre offrono la possibilità di rifornirsi anche senza contenitore, come nelle fontanelle tradizionali. La soluzione ideale quindi per dissetarsi in un contesto come l’Esposizione universale. Le Case dell’Acqua producono anche importanti risparmi dal punto di vista ambientale: ciascuna può erogare quotidianamente fino a 7 mila litri di acqua. Tradotto in termini impatto sull’ambiente, l’utilizzo di questi impianti permette di non consumare 372 kg di petrolio al giorno e di non immettere in atmosfera diverse sostanze inquinanti, circa 427 kg di anidride carbonica, consumate in fase di produzione di Pet, materiale di cui sono composte le bottiglie d’acqua.

“Sin dai primi giorni di avvio di Expo le Case dell’acqua hanno riscosso un grande successo e il loro indice di gradimento è elevatissimo: siamo felici, con il nostro lavoro, di aver contribuito a rendere più agevole e sostenibile la visita ad EXPO da parte dei cittadini italiani e stranieri “, commentano Alessandro Russo, presidente del Gruppo CAP e Davide Corritore presidente di MM. “È una soddisfazione che ci ripaga dello sforzo fatto in questi anni per progettarle e realizzarle. Questi impianti sono il coronamento di un impegno che il Gruppo CAP e MM portano avanti a tutto campo per gestire al meglio una risorsa preziosa come l’acqua, investendo per garantire l’efficienza nella gestione dell’intero ciclo idrico (acquedotto, fognatura, depurazione) senza mai perdere di vista la tutela della falda e del territorio”, concludono Russo e Corritore.

L’acqua erogata dalle 32 Case dell’Acqua in Expo è soggetta a periodici controlli effettuati con nuove metodiche analitiche con lo scopo di monitorare 24 ore su 24 la qualità dell’acqua che serve l’area dell’Expo e quella microbiologica delle case dell’acqua installate all’interno dei padiglioni dell’Esposizione.

I numeri

32 Case dell'Acqua, di cui:

- 30 piccole, in grado di servire 4 persone contemporaneamente (2 acqua liscia + 2 acqua frizzante)

- 2 grandi, in grado di servire 6 persone contemporaneamente (3 acqua liscia + 3 frizzante)

Dove sono 

13 nelle Piazzette

o Piazzetta Francia 

o Piazzetta Irlanda  

o Piazzetta Cina  

o Piazzetta Brasile

o Piazzetta Belgio   

o Piazzetta Estonia 

o Piazzetta Kazakistan 

o Piazzetta Monaco  

o Piazzetta Germania  

o Piazzetta Spagna  

o Piazzetta Marocco  

o Piazzetta Azerbaijan  

o Piazzetta Kip Pavillion – Caritas

 

8 nei Cluster

o Cluster Caffé

o Cluster Zone Aride

o Cluster Riso

o Cluster Biomediterraneo

o Cluster Cereali E Tuberi

o Cluster Cacao

o Cluster Frutta E Legumi

o Cluster Isole

 

1 al Children Park

o Children Park

 

4 negli Hortus

o Hortus Ferrero

o Hortus Oman

o Hortus Tecnogym

o Hortus Turchia

 

2 lungo il Bordo Canale

o Bordo Canale Dietro Bahrein

o Bordo Canale - dietro Cina

 

2 nella zona di Accesso EST

o Accesso Est

o Accesso Est Barhein

Tags:
expommcapcase dell'acqua







A2A
A2A
i blog di affari
Il Green pass crea una categoria di cittadini di seconda classe
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Il redditometro viola i diritti dell'uomo: la denuncia di PIN
Green pass obbligatorio, infame pratica ideologica e non scientifica
L'OPINIONE di Diego Fusaro


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.