A- A+
Milano
Expo, McDonald's si adegua ai prezzi alti: panini più cari

Pochi centesimi, ma pur sempre rincari. Nella polemica sui prezzi, montata nei primi giorni di Expo, considerati in molti casi troppo alti, trova un posto anche la celebre catena di fast food McDonald's che ha deciso di "ritoccare" al rialzo la maggior parte dei prezzi del suo parterre di prodotti nello store interno al sito espositivo, bilanciandolo con tre promozioni speciali applicate ai 32 ristoranti di Milano, Expo compreso. Si tratta di rincari rispetto ai prezzi praticati nei ristoranti della catena che si aggirano, secondo quanto quantificato dall'azienda "intorno al 10% di media", con una forchetta tra i 50 centesimi e 1 euro e 30 centesimi. Un Big Mac Menu' large, per esempio, passa da 7.10 euro a 7.90; da 1 euro e 30 a 1 euro e 80 un cartoccio di patatine regular; di 50 centesimi (da 2.50 a 3.00) il rincaro di una confezione da 4 chicken McNuggets; su quelli da 20 pezzi, il rincaro e' di 1.30 euro (da 9.70 a 11 euro). Contattata telefonicamente, McDonald's ha giustificato l'operazione facendo notare come sia impegnativa la tenuta di un ristorante all'interno del sito di Expo e chiarendo che si tratta comunque di un intervento sui prezzi che va letto complessivamente: e' stato, infatti, fatto notare che sono state applicate tre promozioni "proprio per andare incontro ai visitatori di Expo". Si tratta di una colazione (caffe' o cappuccino e brioche) che viene offerta a 1.50 anziche' 1.90 e la possibilita' di acquistare un Mc menu', Big Mac o Mac Chicken, nella versione media a 6 euro scegliendo dal totem multimediale l'opzione 'menu' Expo'. Le tre promozioni interessano altri 37 ristoranti di Milano e hinterland, compresi anche punti strategici di ingresso alla città come gli aeroporti di Linate e Malpensa e come la Stazione Centrale.

LO SCIOPERO IN SAN BABILA/ Nella giornata di oggi, attorno all'ora di pranzo, i lavoratori del ristorante in San Babila hanno promosso uno sciopero improvviso, non preventivato, durato sessanta minuti. il motivo della protesta? L'attesa, che ormai si protrae da 24 mesi, del rinnovo contrattuale. "Dobbiamo pagare noi, conle nostre buste paga in calo, il prezzo di Expo?", hanno chiesto i dipendenti McDonald's che hanno incrociato le braccia.

Tags:
expomcdonalds







A2A
A2A
i blog di affari
Coordinatore genitoriale, tribunale lo impone: chi è? Posso rifiutarmi?
di Michela Carlo
Green Pass, prove generali della società del controllo biopolitico totalitario
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Le radici dell’Architettura
di Mariangela Turchiarulo


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.