A- A+
Milano
Expo, Padiglione Società civile, la sfida di Cascina Triulza
Expo, il Padiglione Società civile di Cascina Triulza

Nessuna "attrazione da luna park" e una segnaletica sicuramente da migliorare da parte di Expo: queste alcune delle sfide della Società civile a Cascina Triulza, il Padiglione dedicato alle realtà del Terzo settore nell'ambito dell'esposizione universale. Ma questa parte di Expo sta cercando comunque di conquistare i visitatori. Ecco qualche dato offerto dalla Fondazione Triulza stessa: "I 17 eventi che si sono tenuti fino ad ora in Cascina Triulza hanno visto la partecipazione di circa 2mila persone. Numeri importanti, sicuramente migliorabili soprattutto per quanto riguarda il passaggio nelle aree espositive e del mercato, e Fondazione Triulza sta lavorando per questo, ma che testimoniano concretamente l’interesse delle persone verso i temi e le iniziative del Padiglione. Perché la vera partita si gioca sui contenuti. Cascina Triulza offrirà un palinsesto di oltre 700 eventi in cui si parlerà di come davvero nutrire il pianeta lavorando tutti insieme, persone, istituzioni e imprese, per una sostenibilità nei fatti e nelle azioni e non solo nelle intenzioni".

Sergio Silvotti, presidente della Fondazione, aggiunge: “Qualche giorno fa don Luigi Ciotti, ospite a Cascina Triulza, invitava tutti a smettere di indignarsi a parole ed a sporcarsi le mani per cambiare un sistema che in questo momento non ha al centro le persone. Ecco, questo è il contributo che noi vogliamo dare concretamente e non in astratto, mettendo insieme le istituzioni, le imprese e la società civile per provare a gettare un seme di vero cambiamento attraverso questa Esposizione Universale”.

Dall’inaugurazione sono passati in Cascina Triulza circa 3mila persone. Sicuramente un numero migliorabile, con la collaborazione magari di Expo stessa, che ha riconosciuto la necessità di valorizzare con più efficacia le aree del sito meno visibili dal Decumano. “Stiamo lavorando con Expo per superare alcuni vincoli interni sia relativi alla segnaletica sia logistici che stanno effettivamente rendendo complessa la partecipazione di alcune organizzazioni che saranno ospiti da noi, ad esempio per quanto riguarda l’autorizzazione all’ingresso  dei prodotti nel nostro spazio mercato”, aggiunge Chiara Pennasi, direttore del Padiglione della Società civile. “Inoltre, come avevamo già previsto, da lunedì partono tre laboratori giornalieri gratuiti per bambini da 4 a 10 anni sui temi dell’acqua, l’alimentazione e la sostenibilità; a breve sarà attivato  in Cascina Triulza il mobility center, servizio per persone con problemi di mobilità e un programma di visite guidate”, spiega Pennasi.

Cascina Triulza offre inoltre altri servizi gratuiti per le famiglie come l’area baby e spazi aperti a tutti, come ad esempio l’area pic-nic, dove si fermano ogni giorno famiglie, studenti delle scuole in visita ad Expo, visitatori da tutto il mondo per riposarsi e magari mangiare in totale relax quanto hanno portato con sé o possono acquistare al bar del Padiglione: un’alternativa per la ristorazione assolutamente sostenibile e alla portata di tutti.

Tags:
expopadiglione società civilecascina triulzasergio silvottidon luigi ciottichiara pennasi






A2A
A2A
i blog di affari
Covid, medici e scienziati: i sacerdoti del nuovo culto della scienza medica
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Dissenso verso il nuovo capitalismo terapeutico e dalle tendenze
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Covid, la vita pubblica in mano ai medici
L'OPINIONE di Diego Fusaro


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.