A- A+
Milano
F1, la Lega si mobilita per salvare il Gran Premio di Monza

Il capogruppo della Lega in Regione Massimiliano Romeo fa il punto sull'autodromo di Monza, la cui partecipazione al circuito dei Gran premi di Formula 1 è a rischio: "Regione Lombardia ha già dato la propria disponibilità ad entrare nella proprietà dell’autodromo con un contributo di parecchi milioni di euro. Soldi che salverebbero Monza e la possibilità di disputare il Gran Premio anche negli anni a venire. Basterebbe solo che a Roma si approvasse la defiscalizzazione del contributo regionale, finora bocciato dal Governo sebbene non comporti nessun costo aggiuntivo per lo Stato italiano. E ora, nonostante Imola ci stia pubblicamente sfilando il Gran Premio di Formula 1 da sotto il naso, nessuno interviene! Dov’è il Sindaco Scanagatti? Dov’è il governo Renzi? Il PD si svegli! O se perdiamo Monza sarà solo colpa sua. L’accoglienza riservata da Ecclestone al sindaco di Imola è l’ennesima mortificazione che Monza sta subendo per colpa di chi non è in grado oppure non vuole garantire un futuro al nostro circuito"

Tags:
massimiliano romeoformula 1gran premioautodromo di monza






A2A
A2A
i blog di affari
Incostituzionale l'indeducibilità dell'IMU per le imprese: ora i rimborsi
Matrimonio tra Pascale e Turci, l'altro significato...
di Maurizio De Caro
PROGETTI PER LE SCUOLE, CONTRO LA MIOPIA, FONDI PER CONSUMATORI
Boschiero Cinzia

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.