A- A+
Milano
Fase 2: De Corato: aprire le moschee? Prima controllare le distanze
(fonte Lapresse)

Fase 2: De Corato: aprire le moschee? Prima controllare le distanze

"Va preso molto seriamente l'allarme sulla riapertura delle piccole e medie moschee lanciato nei giorni scorsi dal presidente dell'Unione delle comunita' islamiche d'Italia, Yassine Lafram, che si e' detto preoccupato 'perche' i luoghi di culto sono piccoli o medi e molti potrebbero non essere in grado di rispettare i protocolli'", dichiara l'assessore lombardo alla Sicurezza, Immigrazione e Polizia locale, Riccardo De Corato. "Dal momento in cui possono costituire un grande rischio sanitario - aggiunge l'assessore - la decisione di riaprire questi centri spetta a chi ha la responsabilita' della pubblica sicurezza: ossia i sindaci, massime autorita' sanitarie, i prefetti e questori lombardi, che devono accertarsi se nelle moschee c'e' la possibilita' di rispettare le distanze necessarie a evitare il contagio". Per De Corato "e' indispensabile che le autorita' verifichino se le loro dimensioni non costituiscano un pericolo per la salute pubblica o se sia piu' opportuno non farle riaprire".

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    riccardo de coratomoschee milanomoschee






    A2A
    A2A
    i blog di affari
    Trieste, repressa la protesta pacifica: l'immagine del golpe globale
    Attenzione: Fisco sospeso solo a metà
    LIBRI/ Il Grand Tour di Stefano Veraldi, dermatologo vagabondo
    Di Ernesto Vergani


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.