A- A+
Milano
Fase 2: Lombardia, obbligo rilevazione temperatura a lavoro
(fonte Lapresse)

Fase 2: Lombardia, obbligo rilevazione temperatura a lavoro

La misurazione della temperatura al personale dovrà essere effettuata prima dell'accesso sul posto di lavoro ma anche qualora durante l'attività il lavoratore dovesse manifestare i primi sintomi di infezione da Covid-19 (ad esempio tosse, raffreddore e congiuntivite). In caso di febbre superiore a 37,5, il lavoratore non dovra' comunque recarsi al Pronto Soccorso o nelle infermerie di sede. Sara' l'ufficio del personale all'Ats territorialmente competente, dopo aver ricevuto la comunicazione, a fornire le opportune indicazioni alle quali la persona interessata dovra' attenersi.

Quanto ai clienti o utenti, la misurazione della temperatura e' "fortemente" raccomandata prima dell'accesso. Se dovesse risultare superiore a 37,5 non sara' consentito l'accesso alla sede e l'interessato sara' informato della necessita' di contattare il proprio medico curante. E' fortemente raccomandato, infine, l'utilizzo della app "AllertaLom" da parte del datore di lavoro e di tutto il personale compilando quotidianamente il questionario 'CercaCovid'. L'ordinanza ha effetto fino al 31 maggio, salvo proroghe. 

Commenti
    Tags:
    fase 2coronaviruslombardia coronavirustemperaturafebbrelavorocoronavirus lavorolombardia fase 2







    A2A
    A2A
    i blog di affari
    Salento: pastella, cozze aperte all’ampa... Chi l'ha detto che si mangia male?
    di Francesca Micoccio
    Green pass obbligatorio e lockdown annunciati: il ritorno alla nuova normalità
    L'OPINIONE di Diego Fusaro
    Il braccio robotico di Perseverance alla ricerca di segni di vita su Marte
    di Maurizio Garbati


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.