A- A+
Milano
Coronavirus fase 2 Milano, Sala: "Necessità di ripartire ma con prudenza"
Giuseppe Conte e Beppe Sala

Coronavirus fase 2 Milano, Sala: "Necessità di ripartire ma con prudenza"

Per Milano il tema non e' di "aver voglia di ripartire"; la citta' ha "necessita'" di farlo, ma serve "prudenza". Sono questi - necessita' e prudenza - i termini chiave per il sindaco Giuseppe Sala. "Ieri abbiamo discusso con il premier Giuseppe Conte del momento di Milano e dello spirito che anima la citta'. Gli ho detto che non e' tanto la questione di aver voglia di ripartire, ma i termini piu' appropriati sono due: necessita' e prudenza", ha spiegato in un videomessaggio su Facebook. "E' necessario ripartire per tante ragioni, Milano e' una citta' che puo' offrire molto in termini di occasioni di lavoro e di guadagni, ma e' una citta' che e' costosa, fra affitto, spesa. Oggi a costi sostanzialmente inalterati molte famiglie cominciano ad avere difficolta'", ha sottolineato il primo cittadino. "A cio' si puo' aggiungere le preoccupazioni per il futuro: pur riaprendo, quanto rischio c'e' di perdere lavoro? Per tutti questi motivi serve ripartire. Ma arriviamo al tema prudenza. Bisognera' analizzare come con la citta' piu' riaperta, il contagio si muovera'. Quello che ho detto al Premier e' che a Milano i cittadini li si ingaggia nella discussione sul loro destino, si cerca di essere trasparenti ma purtroppo i dati che abbiamo a nostra disposizione non ci permettono di farlo", ha concluso Sala.

Al di la' dei numeri, che "sono sacri, ma lo sono se sono attendibili", il sindaco di Milano, Giuseppe Sala, lavorera' "per essere sicuro che il livello di rischio che ci prendiamo sia gestibile". A garantirlo, in vista della 'Fase 2', lo stesso primo cittadino. "Voglio essere trasparente, diretto e sincero e coinvolgervi nel percorso che intraprenderemo, vorrei avere elementi oggettivi", ha premesso prima di ricordare i numeri ufficiali di contagi e deceduti in citta' per Coronavirus, che ieri erano pari a 7867 e 1147, con un tasso di mortalita' del 15% circa. "Io passo le notti a leggermi studi da tutto il mondo e il livello di mortalita' e' universalmente riconosciuto al massimo all'1%", ha aggiunto Sala. Per questo, ha spiegato, "continuero' a fare quello che faccio e vi prometto la massima attenzione: al di la' delle tabelline, continuero' a chiamare i pronto soccorso e i medici di base per essere sicuro che il rischio che ci prendiamo sia gestibile". "Vi richiamo ancora una volta alla vostra responsabilita'. Io mi fido dei milanesi", ha concluso. 

Loading...
Commenti
    Tags:
    salamilanocoronavirus fase 2 milanofase 2 milano coronavirusfase 2 milano covidmilano fase 2 coronavirus







    UNA RETI
    A2A
    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    i blog di affari
    Ecco la prima convention di APIT "Tutela e difesa Partite Iva"
    Maltrattamenti in famiglia, lo sono anche gli schiaffi educativi ai figli?
    di Federica Mendola
    La Rivelli offende la d’Urso, un gesto che non ci lascia “Muti”
    Rudy Cifarelli


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.