A- A+
Milano
Fase due, Sala si rivolge alla Madonnina: "Non manchi il tuo sguardo". VIDEO
Beppe Sala

Fase due, Sala si rivolge alla Madonnina: "Non manchi il tuo sguardo"

Alla vigilia della nuova fase di riaperture di lunedì 18 maggio, il sindaco di Milano Beppe Sala si è rivolto ai cittadini con il consueto videomessaggio pubblicato su facebook, realizzato questa volta dalle guglie del Duomo, dalle quali si è anche rivolto direttamente alla Madonnina "che da lassu' continua a guardare a tutta la citta' per dirle che noi tutti stiamo cercando di fare bene, stiamo provando a riaccendere la citta' con prudenza, attenzione e cura verso gli altri - ha concluso -. Tu non farci mai mancare il tuo sguardo".

"C'e' una nuova strada da percorrere, un passo alla volta con prudenza e attenzione ma senza perdere un'occasione per ridare linfa e vita alla nostra città - ha detto Sala - Alcuni di noi sono piu' ottimisti e impazienti, altri si sentono piu' fragili e impauriti ma tutti dobbiamo capire che c'e' una nuova strada da percorrere - ha detto nel video che pubblica ogni giorno sulle sue pagine social -. Ci siamo riscoperti solidali e uniti capaci di un controllo, specie nei giovani, sul quale forse non avremmo scommesso, soprattutto siamo stati popolo, capace di rispetto e di sacrifici della nostra vita che hanno stupito persino noi stessi, continuando a lavorare, magari in un modo diverso".

"Abbiamo vissuto e stiamo vivendo un'emergenza sanitaria e siamo in preda a una crisi socio economica che rischia di avere conseguenze gravi sul futuro delle nostre citta', delle nostre famiglie, dei nostri figli, delle persone piu' deboli. Per questo siamo qui, perche' qui Milano ha vissuto tutta la sua storia, nei momenti tragici e in quelli felici, perche' qui i milanesi hanno pregato ma hanno soprattutto costruito quei valori di solidarieta', di ingegno che hanno reso unica la loro citta'. Perche' di tutto questo abbiamo bisogno oggi - ha aggiunto -. Ma siamo soprattutto qui in cima al Duomo perche' questa non e' solo la nostra cattedrale, non e' solo il puro orgoglio di un monumento noto in tutto il mondo e improvvisamente vuoti di fedeli e di turisti, noi siamo qui perche' il Duomo e' MILANO ed e' dei milanesi, di tutti i milanesi vecchi e nuovi, stanchi e audaci. E' di tutti i milanesi che si apprestano a ricominciare la loro vita, tra mille dubbi e incertezze ma con la voglia di ricominciare a costruire il futuro nostro e dei nostri figli a partire da queste guglie".

Commenti
    Tags:
    fase duelockdowncoronavirusbeppe salamadonnina







    A2A
    A2A
    i blog di affari
    Il Vaticano s'è svegliato. Ddl Zan figlio del nuovo ordine rifiuta i dissensi
    L'OPINIONE di Diego Fusaro
    La Meloni vola nei sondaggi ma si vota solo alle primarie del Pd
    M5s, lo strappo è a un passo. E ora può nascere il partito di Conte


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.