A- A+
Milano
Finanziamento illecito, sentenza ribaltata: quattro mesi per Giammario
Angelo Giammario

Sentenza ribaltata in appello per Angelo Giammario, ex consigliere regionale lombardo del Pdl della giunta guidata da Roberto Formigoni. In primo grado era stato assolto col rito abbreviato dalle accuse di finanziamento illecito ai partiti e false fatturazioni, oggi invece i giudici della Corte d'Appello di Milano lo hanno condannato a 4 mesi di carcere (contro i 6 mesi chiesti per lui dalla procura generale) e al pagamento di una sanzione pecuniaria di 8 mila euro. Ora, stando a quanto annunciato dal suo difensore, ricorrera' in Cassazione. Secondo l'accusa, avrebbe incassato 10 mila euro da alcuni imprenditori, tra cui i fratelli Achille e Francesco Baronchelli (condannati rispettivamente a 3 anni e 4 mesi e 3 anni e 2 mesi per bancarotta e false fatture), per intervenire nella assegnazione di gare d'appalto sulla realizzazione di parchi e aiuole e sulla manutenzione di aree verdi nelle province di Milano e Monza.

Tags:
angelo giammarioroberto formigoni







A2A
A2A
i blog di affari
Oggetto sociale srl: più è ampio, meno paghi
Gianluca Massini Rosati
L’intelligence come tutela della democrazia del Paese
Daniele Salvaggio, Imprese di Talento
Solidarietà ai bielorussi contro Lukashenko, ultimo dittatore d’Europa
L'OPINIONE di Ernesto Vergani


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.