A- A+
Milano
Fiorucci, i funerali. Don Mazzi: "I suoi angeli dipingano Milano"
Elio Fiorucci, i funerali

Tanti amici, il mondo della moda, ma non gli stilisti. Presso la Basilica San Carlo di Milano, a due passi dallo storico negozio in Galleria Passarella, in molti si sono ritrovati oggi per un ultimo saluto a Elio Fiorucci, arrivati a rendere omaggio allo stilista scomparso lunedi' anche indossando t-shirt con le sue creazioni, dai soggetti di Love Therapy, ai famosi angeli adottati come logo. Le esequie sono state celebrata da un commosso don Mazzi, amico di Fiorucci da molti anni, che lo ha ricordato come "un poeta straordinario", sottolineando che Milano ha ancora "bisogno di qualcuno che la faccia cantare, che le dia un colore e un'anima".

small 150722 115133 to220715cro 0136Elio Fiorucci, i funeraliGuarda la gallery

Spiegando quanto fosse "faticoso" per lui parlare di Elio Forucci, don Mazzi durante l'omelia si e' rifugiato tra le parole di Alda Merini e della sua poesia 'Solo una mano d'angelo': "Milano - ha detto don Mazzi - ha bisogno che gli angeli delle magliette di Elio si stacchino e ridipingano una citta' che e' diventata artificiale. Elio era un poeta strordinario - ha aggiunto - di una grande delicatezza. Milano ha ancora bisogno di questo, di un po' di amore in piu', di un po' di colore in piu', di meno personaggi e piu' poeti".

A ringraziare lo stilista scomparso, c'era una delegazione dei volontari di strada City Angels: il fondatore, Mario Furlan, ha ricordato che la maglietta della divisa fu proprio disegnata e donata da Fiorucci, che era vicino all'associazione e li aveva anche stimolati a consacrare nei loro centri, dove talvolta andava, un giorno della settimana al cibo vegetariano. Furlan ha quindi annunciato l'intenzione di rendere omaggio allo stilista, intitolandogli il centro di accoglienza di via Pollini, che diventera' quindi 'Casa Fiorucci'. Una petizione, e lo ha ricordato al termine dei funerali Giusy Lagana' di Fare per Bene Onlus, chiede che a Fiorucci venga intitolata la Galleria Passarella, simbolo della sua presenza milanese e per molti anni luogo di ritrovo per i giovani.

A raccogliere la richiesta, il vice sindaco Francesca Balzani, presente alle esequie in rappresentanza del primo cittadino (sia il Comune di Milano che la Regione Lombardia aveva inviato i propri Gonfaloni), che ha definito la proposta "una bella idea". A rappresentare Palazzo Marino, ma spinto anche da un motivo personale visto che il padre sarto confeziono' i primi capi a etichetta Fiorucci, c'era il presidente dell'Aula, Basilio Rizzo, che ha aperto la strada all'esame per l'iscrizione di Fiorucci al Famedio: "deve essere approvata dall'ufficio di presidenza che si riunira' a ottobre - ha spiegato -. Per la sepoltura, invece, bisogna aspettare un anno e deve essere approvata dai quattro quinti del consiglio. Poi bigonera' vedere se la famiglia vorra'".

Al momento, infatti, il feretro dello stilista viaggia verso Sueglio, paesino sulle montagne della provincia di Lecco, di dove erano originari i genitori. A stringersi intorno alle figlie presenti Ersilia e Agusta - mancava la terza in dirittura d'arrivo con la gravidanza -, alle sorelle e il fratello e ai numerosi nipoti, c'era dunque il mondo della moda, ma non molti volti tra quelli dei tanti stilisti che hanno nelle ore precedenti manifestato cordoglio, fatta eccezione per Chiara Boni, Carlo e Ennio Capasa (Costume national) e Raffaella Curiel; tra i presenti si sono notati anche Umberto Cairo, Massimo e Milly Moratti, Jo Squillo, Beppe Modenese, Mario Boselli, Afef, Vittoria Brambilla e l'ex sindaco Paolo Pillitteri, che ha raccontato di avere di Fiorucci "un bellissimo ricordo. Ci si vedeva spesso anche con l'assessore Umberto Dragone - ha detto -: l'avevamo eletto punto di riferimento perche' lui aveva la grande forza di volare sopra le risse politiche".

Tags:
elio fioruccifunerali






A2A
A2A
i blog di affari
Bipolarismo, ecco quando necessario usare il TSO
di Francesca Albi*
Olio extravergine d’oliva: benefici e caratteristiche
Anna Capuano
Décolleté con tacco alto o con zeppa: quale funzionerà per gli outfit di tutti
Anna Capuano

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.