A- A+
Milano
Fontana: "Salvini? Rimanga segretario. Coppie gay? Stessi diritti ma..."
Attilio Fontana a Radio Lombardia

di Fabio Massa

Attilio Fontana dj per un giorno a RadioLombardia. Ili governatore della Regione Lombardia ha risposto alle domande del direttore Luca Levati scegliendo di persona i brani di accompagnamento, partendo dai Procol Harum e arrivando a Vasco Rossi (Liberi, liberi). Presente alla trasmissione anche Affaritaliani.it Milano, che ha interrogato il presidente sul doppio ruolo di Salvini segretario di partito-ministro, che è stato criticato dal suo predecessore Roberto Maroni. "Io non credo si tratti di polemica, Salvini è troppo intelligente per ritenerla una polemica. Io penso che Salvini vedrà come gestire il suo tempo e farà quel che ritiene di fare. Io personalmente cercherei di svolgere entrambi i compiti, fossi in lui, perchè Salvini in questo momento è imprescindibile alla segreteria della Lega. E' l'uomo che sta facendo avere un successo mai visto alla Lega. Il rapporto che riesce ad avere con la gente è qualcosa di cui non possiamo privarci". Il governo durerà fino in fondo? "Spero proprio di sì, spero che sia un governo del cambiamento. Io credo da sempre che questo paese abbia bisogno di scelte un po' scioccanti. Sennò è come uno stagno nel quale uno lancia un sasso, sembra che si agiti un po' e poi alla fine torna piatto. O cambiamo o sennò moriremo d'inedia". A proposito di sassi nello stagno, c'è un altro Fontana, il ministro Lorenzo Fontana, che ha dichiarato che le famiglie gay non esistono. "Ha affermato una cosa che forse è stata male interpretata. I diritti per le unioni esistono e sono stati riconosciuti e ritengo che sia fondamentale che vengano rispettati. Ma non solo per i gay, per tutte le coppie di fatto. Altra cosa è il concetto di famiglia. Credo che Fontana si sia riferito al concetto di famiglia previsto dalla Costituzione, e tecnicamente quel che ha detto non è sbagliato. Le altre sono delle unioni che devono avere analoghi e uguali diritti rispetto alla famiglia ma che non sono famiglia".

Che cosa ne pensa di Brebemi che passa in F2i? Si diceva che era un'opera inutile. "Le infrastrutture in questa Regione hanno una grande attrattività economica. Guardate Malpensa: hanno cercato di ucciderla ma non solo non è morta, ma è risorta come l'araba fenice, perché è il principale aeroporto d'Italia e uno dei più importanti d'Europa. Detto questo, è normale che le strutture aeroportuali hanno bisogno di essere rilanciate e che suscitino gli interessi dei privati. Il governo passato era riuscito ad ammazzare sia le province che Malpensa, e non è riuscito ad ammazzare nessuna dei due. E ora vedrete, visto che non sono morte..." Intanto pende ancora la questione Trenord: "Stiamo valutando, ma arriveremo a una decisione credo entro luglio. Comunque, prima dell'estate. Abbiamo proposte che vengono dal pubblico, proposte che vengono dal privato, qualche proposta nostra. Ma è chiaro che ad oggi l'interlocutore principale è Ferrovie dello Stato".

fabio.massa@affaritaliani.it

Iscriviti alla newsletter
Tags:
attilio fontanamatteo salvinicoppie gaygaylombardia






A2A
A2A
i blog di affari
Perugia, un “Green Table” per la cultura ambientale del mondo
di Maurizio De Caro
Quando artisti e comunicatori uniti diventano Ambasciatori di Pace
CasaebottegaJalisse
Covid, nuovi varianti in vista: l'emergenza virale è normalità
L'OPINIONE di Diego Fusaro


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.