A- A+
Milano
Franzini (Statale) "Senza fondi per la ricerca il Paese muore"
Elio Franzini

Franzini (Statale) "Senza fondi per la ricerca il Paese muore"

"Senza fondi per la ricerca il Paese muore". E' uno dei passaggi piu' significativi del discorso del rettore Elio Franzini che apre l'anno accademico dell'Universita' Statale di Milano. "Senza fondi per la ricerca, la didattica, il diritto allo studio, l'internazionalizzazione, il progresso e l'innovazione, non e' la singola universita' che muore, ma un Paese, che diventa asfittico, chiuso in dispute talmente ridicole da non meritare neppure la definizione di ideologie. Non dobbiamo avere paura - docenti, personale, studenti - nel ribadire ogni ora, con forza, disperazione, passione, la nostra funzione, malgrado l'oblio che l'avvolge".

"Il mantra contemporaneo della sostenibilita' ambientale e' per noi un impegno quotidiano, che si e' tradotto in azioni, nella consapevolezza che quello che si fa per lo studente, per l'ambiente e la vita di noi tutti e' sempre troppo poco e serve come stimolo", ha aggiunto Franzini. "La nostra Universita' deve porsi sempre piu' come un polo attrattivo per l'Europa, progettando nuovi corsi, spesso in inglese, che si aggiungono ai gia' numerosi esistenti".

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    elio franziniuniversità statale






    A2A
    A2A
    i blog di affari
    Italia nazione più colpita in Europa dal traffico di identità digitale
    Con Enrico Letta c’è il futuro verde del PD e dell’Italia
    Mauro Buschini*
    Riforma Fiscale 2021: cosa cambia davvero per le imprese?
    Gianluca Massini Rosati


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.