A- A+
Milano
Furto, fuga e schianto: omicidio colposo per i sopravvissuti

In fuga da un'auto dei carabinieri dopo aver fatto esplodere un bancomat lanciati a 260 chilometri orari sulla tangenziale est: il 31 gennaio scorso cinque nomadi si schiantarono contro un guardrail e due di loro persero la vita. Ora per i tre sopravvissuti, Michele, Cristian e Roberto Stepich, è giunta una ordinanza di custodia cautelare per omicidio colposo dei propri stessi complici. Il magistrato ha riconosciuto una loro responsabilità nella morte dei due compagni, a causa della continuità della condotta criminale. Sono accusati anche di crollo doloso di costruzione per l'esplosione del bancomat e detenzione di esplosivo.

Tags:
tangenziale estfurtoomicidio colposo









UNA RETI
A2A
Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

i blog di affari
Unyli. Rivoluzionare il mercato dell’intimo, con i brand ad alto potenziale
Greta V. Galimberti - Trendiest
Private equity, venture capital, invoice trading. Finanza alternativa per PMI
Greta V. Galimberti - Trendiest
Ascolti tv, share pazzesco al 26%: Barbarella fa festeggiare Mediaset
Francesco Fredella


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.