A- A+
Milano
Galvagni (Cisl): infiltrazioni mafiose? 'Aziende strutturate, basta subappalti

IMPRESE-LAVORO.COM - Milano – Dopo la nuova inchiesta che sta mettendo in evidenza le infiltrazioni malavitose nei grandi appalti di Milano, anche il fronte sindacale si muove. “Evidentemente non bastano le diecine di protocolli antimafia che siamo chiamati a firmare in Prefettura ed anche l’Autority anticorruzione di Cantone non arriva dappertutto”, spiega Danilo Galvagni segretario della Cisl milanese. “Occorre un salto di qualità ed una volontà trasparente da parte di tutti i soggetti in campo, altrimenti a pagare saranno sempre i lavoratori, costretti spesso da subappaltatori criminali e senza scrupoli, al lavoro nero e i cittadini, che pagano i costi delle mazzette. Le imprese devono migliorare la loro qualità con strutture operative alla luce del sole, non possono essere solo uffici d’ingegneria o succursali di amministrazioni finanziarie. Poi – fatta salva la nuova riforma degli appalti, tutta da verificare - credo sia il momento di considerare solo il subappalto di primo grado. Altrimenti il rischio troppo alto è quello del malaffare. L’Amministrazione pubblica da parte sua deve essere più selettiva mettendo in primo piano la qualità dei manufatti e non il massimo ribasso”, conclude Galvagni.

Tags:
galvagni cislinfiltrazioni mafioseaziende strutturate cislcisl subappalti opachi







A2A
A2A
i blog di affari
La Meloni vola nei sondaggi ma si vota solo alle primarie del Pd
M5s, lo strappo è a un passo. E ora può nascere il partito di Conte
Illegittimo il redditometro fuori dalla realtà


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.