A- A+
Milano
Gigi Bici, chiuse le indagini. Pasetti confessa omicidio

Gigi Bici, chiuse le indagini. Pasetti confessa omicidio

Barbara Pasetti, la fiosterapista accusata di avere ucciso Luigi Criscuolo, conosciuto a Pavia come 'Gici Bici' per la sua popolare rivendita di biciclette, ha ammesso di averlo ammazzato. E' la novita' che emerge dall'avviso di chiusura dell'inchiesta che le ha notificato la Procura in queste ore nel carcere di Vigevano.

La Procura: "Pasetti l'avrebbe ucciso con la pistola calibro 7,65 che lei stessa gli aveva consegnato"

"L'ultima fase delle indagini - si legge in una nota della Procura - è stata volta a cercare ulteriori elementi di riscontro dell'impianto accusatorio, che ha trovato integrale conferma nelle dichiarazioni rese da Pasetti nell'interrogatorio alla quale lei stessa ha richiesto di sottoporsi il 5 ottobre 2022 nell'alveo del quale ha ammesso gli addebiti". La donna e' accusata di omicidio aggravato e tentata estorsione. Criscuolo era scomparso di casa la mattina dell'8 novembre 2021 e nello stesso giorno, secondo gli inquirenti, Pasetti l'avrebbe ucciso con la pistola calibro 7,65 che lei stessa gli aveva consegnato. Con quell'arma, Gigi Bici avrebbe dovuto aggredire Gian Andrea Toffano, ex marito della donna. L'8 novembre pero' Criscuolo si e' presentato da lei per restituire l'arma perche' non voleva piu' prender parte al piano. A quel punto, secondo la Procura, Barbara Pasetti gli ha sottratto la pistola e, indossando dei guanti, gli ha sparato alla tempia uccidendolo.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
barbara pasettigigi biciindaginiomicidioprocesso







Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.