A- A+
Milano
Governo, altro che modello Milano: addio Quartapelle e Fiano. Mauri c'è
Lele Fiano, Lia Quartapelle, Matteo Mauri

di Fabio Massa
"Altro che modello Milano": puntata 600 stagione 50. Sotto la Madonnina siamo avanti, talmente avanti che proprio non ci vedono. Beppe Sala, il sindaco della città più avanzata d'Italia (nel senso che avanza, ovvero che non c'è mai dove conta), con chi interloquirà del governo? Non si sa. Del resto, ce lo si aspettava fin da ieri sera, quando Piero Fassino, sul palco della Festa dell'Unità ha dichiarato: "Io sono sicuro che si riequilibrerà a Nord con sottosegretari e viceministri". Un po' una riedizione del "Grillo fatti un partito e prendi i voti". E infatti nel giro di una manciata di ore, sono caduti i nomi di Lele Fiano agli interni e di Lia Quartapelle agli Esteri. Due che ci capiscono, in questi settori. E che verrebbero da quel mondo produttivo che andrebbe rappresentato. Nisba. Ci sono però Simona Malpezzi e Matteo Mauri, almeno. Poteva andare peggio: toccato il fondo si poteva scavare. Per quanto riguarda il Movimento 5 Stelle, rimane solo Stefano Buffagni. Ce lo vediamo, infatti, Vito Crimi che discute con Attilio Fontana di sicurezza. Eppure è dato in quota "Lombardia" da Luigi Di Maio, Vito Crimi. Amen, è andata così. A Milano, in fondo, ce ne possiamo fregare. Almeno fin quando nella prossima finanziaria non toccheranno la fiscalità locale, i conti dei Comuni. E allora hai voglia a urlare nel deserto. Se ne ricava però una lezione. Se nella migrazione interna, Milano è una meta appetibile per chiunque in Italia, per la politica si suggerisce ai tanti virgulti di trasferirsi in altre parti dove crescere più rigogliosi.

fabio.massa@affaritaliani.it

Commenti
    Tags:
    nomine sottosegretarinomine viceministrilia quartapellematteo maurilele fianostefano buffagni






    A2A
    A2A
    i blog di affari
    Effetto pandemia: il preoccupante fenomeno dell'abbandono scolastico
    Massimo De Donno
    Covid, medici e scienziati: i sacerdoti del nuovo culto della scienza medica
    L'OPINIONE di Diego Fusaro
    Dissenso verso il nuovo capitalismo terapeutico e dalle tendenze
    L'OPINIONE di Diego Fusaro


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.