A- A+
Milano
"Grande Brera", i tempi si allungano. Bradburne: "Non si può rischiare"
RIVOLUZIONE BRERA - Con o senza panciotto variopinto, viso rubicondo e savoir-faire da uomo di cultura e di mondo:James Bradburne aveva già convinto tutti con il suo autorevole garbo. Anche se non avesse atteso 100 giorni esatti dal suo insediamento alla direzione di Brera; anche se non avesse proposto con un ottimismo da "Yes We Can" di Obama la Rivoluzione di Brera, comunque aveva già fatto nel breccia nel cuore di chi ama Milano e il quartiere degli artisti di Milano. Concretizzando le teorie anticrisi proposte dall'allora sovrintendente Franco Russoli (correva la fine degli anni '70) e unendo in un solo grande polo Pinacoteca, Biblioteca, Accademia, Osservatorio Astronomico, Orto Botanico, l'Istituto Lombardo Accademia di Scienze e Lettere, la Grande Brera di James Bradburne si compirà entro il 2018. In che modo? 1. Il cortile napoleonico diventerà il “cortile delle arti”, sarà aperto con tutti, per eventi culturali come per soste estemporanee, e per questo sarà dotato di cestini, panchine, segnaletica fissa ed elettronica. 2. All'interno, entro tre anni, saranno riallestite tutte le 38 sale con nuove sedute, wifi. 3. Trussardi firmerà le divise dello staff. 4. Saranno nuovi i servizi: accoglienza, guardaroba, informazione in previsione di un nuovo shop, di un caffe` e altri servizi previsti per il 2017. Saranno inaugurati il 16 giugno. 5. La Biblioteca Braidense sarà a misura del visitatore, un’esperienza , “un’avventura” come scriveva Umberto Eco nel suo “De biblioteca”, dove si puo` passare dalla lettura dei giornali a quella dei testi di Galeno. Nel 2018 il grande traguardo: oltre al “Viale delle scienze”, l’ingresso di via Fiori Oscuri 4 che collega Orto Botanico e Osservatorio Astronomico, a quasi cinquant’anni dall’acquisto, nella piena disponibilita` di Palazzo Citterio, avverrà la ricollocazione in quella sede delle collezioni Jesi e Vitali, straordinari esempi del piu` illuminato collezionismo milanese. Tra gli obiettivi non secondari, anche la riqualificazione del Palazzo di via Brera 19 che potrebbe essere destinato a sede di aule dell’Accademia, dei depositi visitabili, di un ristorante e altre attivita`. Brera milanesissima ma anche internazionale. Con quali soldi? Quelli dei nuovi partner privati e quelli dei nuovi prezzi: "Si andra` incontro al pubblico, favorendo una visita frequente alla Pinacoteca grazie a un biglietto intero dal costo di € 10 valido per tre mesi, con il visitatore che diventa amico di Brera temporaneo". www.brera.beniculturali.it

"Grande Brera", i tempi si allungano. Bradburne: "Non si può rischiare"

Sembrano allungarsi i tempi per la realizzazione della 'Grande Brera', il progetto che prevede il recupero di Palazzo Citterio, vicino all'attuale sede della Pinacoteca e dell'Accademia, dove dovrebbero trovare posto le collezioni del Novecento, esposizioni temporanee, sale per conferenze e proiezioni, book shop e caffetteria. Oltre a un giardino con sculture, da congiungere con lo spazio verde dell'Orto Botanico. Riaperto e ristrutturato lo scorso anno dovrebbe vedere in tempi non lunghi i primi traslochi di opere ma "fino ad ora - spiega il direttore generale di Brera James Bradburne a margine della presentazione del libro 'una meraviglia chiamata Brera' ad opera dell'Associazione Amici di Brera - non ci sono le condizioni per ospitare quadri". Ad impedirlo il microclima non adatto. "Non possiamo certo rischiare di compromettere delle opere preziose - spiega - che rischierebbero di rimanere danneggiate". Brera quindi lo ha preso "in consegna provvisoria. Ma e' come quando si ordina su Amazon. Per ora abbiamo ricevuto la scatola ma aspettiamo che l'ordine sia completato". Per questo, conclude Bradburne "non faccio piu' promesse sui tempi. Stiamo andando avanti ma non posso dire quando si finira'. Non voglio piu' deludere me e la citta' con promesse che non so se posso mantenere".

Bradburne mostra ottimismo sulla nomina, ed eventualmente anche sulla conferma, di dirigenti stranieri a capo dei principali musei italiani: "per ora i segnali che vengono dal governo sono positivi", dice. Nel settembre scorso, in un'intervista, era stato il ministro dei beni culturali Alberto Bonisoli ad ipotizzare un possibile cambio di rotta rispetto a quanto fatto nel 2015 dal suo predecessore, Dario Franceschini che ne aveva nominati ben 7: "basta direttori stranieri" aveva detto. "Sugli stranieri non c'e' nessun ostacolo - insiste Bradburne il cui mandato scadra' tra meno di un anno - le critiche sulle nazionalita' non sembrano piu' cosi' insistenti. Quello che conta e' la competenza. Per quanto mi riguarda leggo con attenzione cosa dichiara il ministro ma non ho parlato direttamente con lui. Quando sara' il momento... vedremo. Fino ad allora continuero' a fare il mio lavoro". Le nomine del 2015 provocarono piu' di qualche critica nei settori dell'opposizione tra cui anche da M5s e Lega, oltre ad una serie di ricorsi, tanto che sulla questione si e' dovuto esprimere due volte il Tar del Lazio e ci sono volute 3 sentenze del Consiglio di Stato per confermarle. E il nuovo bando per il rinnovo di 6 cariche tra cui quella per Pompei e la Reggia di Caserta, chiuso da poco, pare abbia visto solo un 4,3% di domande arrivare dall'estero "ma non so se questo e' legato a possibili difficolta' - aggiunge il direttore di Brera - forse piu' semplicemente il posto non e' stato considerato appetibile dagli stranieri". Bradburne sottolinea intanto la sua soddisfazione per i risultati conseguiti con visitatori della Pinacoteca in crescita costante ma soprattutto perche' nella sale "tornano i milanesi. Le famiglie e anche le iniziative rivolte agli anziani e nei week end stanno dando un riscontro positivo. Arrivano piu' nonni coi nipoti e questo conta ancora piu' dei numeri".

Commenti
    Tags:
    grande brerajames bradburne









    A2A
    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    i blog di affari
    Coronavirus, l'anima del politico, tra la regione cristiana e quella del picco
    Di Diego Fusaro
    COVID-19. Azioni del consigliere Municipio 1 Berni Ferretti per salvare Milano
    Lo speciale Tg1 si lecca le ferite, ascolti in picchiata! La clamorosa voce..
    Di Francesco Fredella


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.