A- A+
Milano
I giovani? Ritornano alla terra: "Meglio agricoltore che in banca"
Giovani e agricoltura

Tra il primo trimestre 2014 e lo stesso periodo del 2015 le nuove aziende agricole aperte da under 40 anni d’età sono aumentate di oltre il 32%, passando da 112 a 148: questo dice una rilevazione effettuata da Coldiretti Lombardia. Le province più prolifiche sono Lecco, Como, e Sondrio. “Si tratta della conferma di un trend che come Coldiretti stiamo rilevando da anni – commenta Ettore Prandini, presidente di Coldiretti Lombardia –. Per le nuove generazioni fare l’agricoltore non è più una vergogna o un mestiere poco qualificato, ma rappresenta invece un modo per costruire il futuro e trovare una nuova dimensione di vita”.

Infatti oggi il 54% dei giovani – spiega un’indagine Coldiretti/Ixe’ – preferirebbe gestire un agriturismo piuttosto che lavorare in una multinazionale (21%) o fare l’impiegato in banca (13%). Sempre nei primi tre mesi del 2015 le nuove aziende agricole giovani sono state avviate in un caso su 4 da donne. Questo è vero anzitutto a Lecco (50% dei casi), Como (40%), Bergamo (36,8%) e Varese (33,3%), con dati sopra la media regionale (26,4%). Oltre 1.500 agriturismi attivi in Lombardia - stima la Coldiretti regionale – le agri-manager sono circa la metà.

Il record complessivo dei giovani capi azienda spetta sempre a Lecco (50%), seguita da Como (47,6%), Sondrio (45,8%), Monza e Brianza (42,9%) e Varese (40,9%). I settori dove i giovani lombardi sono più impegnati – spiega la Coldiretti regionale - sono l’allevamento (49%), la coltivazione dei cereali (38%), la coltivazione degli ortaggi (14%), la coltivazione degli alberi da frutto (11%) con una capacità innovativa di utilizzo delle nuove tecnologie.

Infatti, il 50% – stima la Coldiretti Lombardia – è presente online con siti web, facebook e twitter per promuovere la propria impresa. Oggi le aziende sono in mano a ragazzi sempre più preparati e la maggior parte di loro ha conseguito titoli specifici (perito agrario, agrotecnico, scienze agrarie, viticoltura ed enologia), ma non mancano meccanici, geometri, esperti di pubbliche relazioni e ingegneri elettronici che nonostante studi non agricoli hanno scelto il “ritorno alla terra”. Un fenomeno che coinvolge le nuove generazioni per passione (36%) o per mantenere in vita l'azienda di famiglia (26%). Tutto questo – conclude la Coldiretti Lombardia - spiega il maggior peso percentuale delle aziende giovani sul totale delle nuove aperture come emerge dai dati della Camera di Commercio di Milano

Tags:
coldiretti lombardiaagricolturaagriturismo







A2A
A2A
i blog di affari
Green pass, l'irresponsabile accettazione cadaverica del nuovo Leviatano tecnosanitario
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Covid, aspettiamo che arrivi un governo militare: del resto "siamo in guerra"
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Filming Italy Sardegna Festival, conclusa la 4ª edizione con oltre 50 titoli


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.