A- A+
Milano
I politici sono cambiati ma il disastro resta: forse la colpa non è solo loro?
(fonte Lapresse)

ASCOLTA LA RUBRICA "PINOCCHIO" OGNI GIORNO SU RADIO LOMBARDIA (100.3), IN ONDA ALLE 19.10 DURANTE IL PROGRAMMA DI APPROFONDIMENTO "PANE AL PANE" E IN REPLICA IL GIORNO DOPO ALLE 6.45

Mettiamo qualche fatto nel frullatore, e vediamo che cosa viene fuori. C'era una classe dirigente durante la prima ondata, in Lombardia. La classe dirigente è la somma della classe politica più la classe burocratica, nella quale vanno inclusi i dirigenti medici apicali eccetera. La classe politica è completamente cambiata. Al posto di Giulio Gallera è arrivata Letizia Moratti. Guido Bertolaso non c'era, nella prima fase (salvo per l'Ospedale in Fiera, e pure a mezzo servizio con un'altra regione). Lo stesso asse della giunta era più sbilanciato verso gli azzurri: ora con Guido Guidesi, Stefano Bolognini, un nuovo segretario regionale del Carroccio (Cecchetti), l'asse di potere è completamente cambiato. Matteo Salvini, che poche palle ha voluto toccare durante i primi confusi mesi di un anno fa, adesso è attento, ed è al governo. Eppure in Lombardia le cose continuano a non funzionare. Conclusioni? La conclusione ovvia è che se cambia tutta la politica, sia a Milano che a Roma, e i risultati sono gli stessi, probabilmente il problema non è politico. Il problema è che il Covid ci sta dicendo che esiste una intera macchina regionale, con i suoi addentellati nella sanità, che ormai è vecchia, anziana, distrutta da una riforma assurda come quella voluta da Maroni (a proposito, chissà perché nessuno se la prende con lui?), ci deve far cambiare idea profondamente su quel che è la Regione Lombardia. Regione Lombardia, e non parliamo del livello politico - ripeto, va ripensata dalle fondamenta, dagli uomini e dalle donne che sono posizionati nei gangli vitali degli ospedali, della macchina interna, delle direzioni. E la politica deve trovare una sua way out.

PS. Avvertenza per i lombardocentrici: basta guardare qualche pagina di quotidiano locale della Toscana, dell'Emilia, del Piemonte, anche del celebrato Veneto. E si scoprirebbe che l'essere la capitale dei media, per Milano, questa volta è una brutta grana per il potere così come lo conosciamo.

Commenti
    Tags:
    politicivaccinicaos vaccini
    Loading...










    A2A
    A2A
    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    i blog di affari
    Minori e Web: uso, abuso e pericoli: il vortice delle challenge di Tik tok
    Covid, coprifuoco? Lo specchio dell'autoritarismo sanitario
    Di Diego Fusaro
    Da Ceferin (Uefa) a Grillo, l’uso corretto o no del web
    Di Ernesto Vergani


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.