A- A+
Milano
Il console ucraino scrive alla Scala: "Non aprite con Boris Godunov"
Il Don Giovanni di Robert Carsen alla Scala di Milano (foto di Brescia e Amisano – Teatro alla Scala)

Il console ucraino scrive alla Scala: "Non aprite con Boris Godunov"

Il console ucraino a Milano Adrii Kartysh ha scritto al sovrintendente della Scala Dominique Meyer, al sindaco di Milano Giuseppe Sala e al presidente della Lombardia Attilio Fontana per chiedere di "rivedere" la programmazione del teatro, non inaugurando la stagione il prossimo 7 dicembre con l'opera russa Boris Godunov, per non assecondare "eventuali elementi propagandistici".

Criticata anche la scelta di mettere in cartellone spettacoli di musica russa

Il console ha criticato anche la scelta di mettere in cartellone spettacoli di musica russa e anche il recital del soprano Anna Netrebko. Secondo quanto riporta l'Ansa, Kartysh nel testo ringrazia le autorità per "il manifesto sostegno, tuttora palpabile" verso l'Ucraina e gli ucraini dall'inizio della "guerra" che è stata "voluta dalla Federazione Russa, che continua a lacerare la nostra pace, sottraendo preziose vite umane in modi sempre più terrificanti". Ma sottolinea "grande disappunto e rammarico" all'interno della comunità ucraina in Italia in seguito alle scelte artistiche della Scala, che nei giorni scorsi si è tradotto con una raccolta firme online per chiedere di sostituire gli spettacoli russi.

Il console: "Speriamo si avvicini il momento in cui i confini dell'Ucraina saranno ripristinati"

"Proprio perché la cultura viene utilizzata dalla Federazione Russa per dare peso all'asserzione della sua grandezza e potenza - ha scritto il console -, assecondare la sua propagazione non può che nutrire l'immagine del regime ivi vigente al giorno d'oggi, e dunque, per estensione, le sue ambizioni scellerate e i suoi innumerevoli crimini". Da qui l'invito a "rivedere il programma della stagione al fine di bloccare eventuali elementi propagandistici", con la speranza che si avvicini "il momento in cui i confini dell'Ucraina, e con essi la pace nel nostro continente, saranno ripristinati", così che la cultura russa possa "tornare ad essere svincolata dalla sua realtà politica" ed essere "apprezzata liberamente, senza rimorsi dettati dall'etica"

Iscriviti alla newsletter
Tags:
boris godunovconsole ucrainoscala







Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.