A- A+
Milano
Il Policlinico si dà all'agricoltura: nasce la "Filiera corta Cà Granda"
riso

"Filiera corta Cà Granda": questo il nome del progetto con cui il Policlinico intende valorizzare il tesoro da ben 8.500 ettari di terreno di cui è proprietario: un patrimonio rurale che rende l'ente di via Sforza il maggior proprietario terriero di tutta la Lombardia, e frutto di secoli di donazioni e lasciti. Un tesoro tuttavia non pienamente sfruttato sino ad oggi, con ampie aree trascurate o con bonifiche in corso a causa della presenza di amianto. L'iniziativa coordinata da Fondazione Sviluppo, costituita negli scorsi mesi dal presidente dell'ospedale Giancarlo Cesana, è finanziata da Fondazione Cariplo e Regione con la partnership della Valle del Ticino e la collaborazione della Statale e prevede l'avvio di una filiera produttiva a chilometro zero, con il riso ed il latte delle cascine che si trovano sui terreni del Policlinico che forniranno l'ospedale dei propri prodotti. Ma il piano è ancora più ambizioso e prevede la nascita di una linea di prodotti biologici targati Policlinico, destinati alla distribuzione. Riso e latte saranno anche al centro di uno studio, con l'analisi dei livelli di glicemia e insulina dei pazienti prima e dopo l'assunzione degli alimenti.

Tags:
giancarlo cesanapolicliniofiliera corta ca grandachilometro zero







A2A
A2A
i blog di affari
Covid, aspettiamo che arrivi un governo militare: del resto "siamo in guerra"
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Filming Italy Sardegna Festival, conclusa la 4ª edizione con oltre 50 titoli
Alkemia sigla contratto triennale con l’India per materie prime


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.