A- A+
Milano
Il premier? Si chiama Antonio Conte: gaffe del Pd in Regione Lombardia
Antonio Conte e Giuseppe Conte

Il premier? Si chiama Antonio Conte: gaffe del Pd in Regione Lombardia

Antonio Conte o Giuseppe Conte? Nel Partito Democratico lombardo devono avere le idee un po' confuse visto che nell'interrogazione a risposta immediata prevista nella seduta del Consiglio regionale del 4 maggio - come si vede nell'allegato pdf (terza pagina, "considerato che") - il Pd scrive nero su bianco che il presidente del Consiglio è Antonio Conte, ovvero l'allenatore dell'Inter. Sicuramente è stata una svista e l'errore verrà presto corretto, ma le malelingue subito hanno pensato alle voci romane di frizione nella maggioranza e a un siluro a Conte, Giuseppe. Probabilmente il campionato di calcio non riprenderà ma almeno il mister nerazzurro, secondo i Dem, ha già trovato un'altra occupazione: a Palazzo Chigi.

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    antonio contegiuseppe contepd lombardia






    A2A
    A2A
    i blog di affari
    Perugia, un “Green Table” per la cultura ambientale del mondo
    di Maurizio De Caro
    Quando artisti e comunicatori uniti diventano Ambasciatori di Pace
    CasaebottegaJalisse
    Covid, nuovi varianti in vista: l'emergenza virale è normalità
    L'OPINIONE di Diego Fusaro


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.