A- A+
Milano
Il primo a treno a idrogeno italiano. Salvini: "Importanti i treni regionali"
Salvini, presentazione treno idrogeno

Il primo treno a idrogeno italiano. Salvini: "Importanti i treni regionali"

Entrerà in servizio il prossimo anno, sulla linea Brescia Iseo-Edolo, in val Camonica, il primo a treno a idrogeno italiano, Coradia Stream. La novità è stata presentata ieri nello stabilimento Alstom Ferroviaria di Savigliano alla presenza, tra gli altri, del Ministro per le Infrastrutture e i Trasporti, Matteo Salvini. Secondo cui, ha dichiarato durante la cerimonia, "è importante l'alta velocità, ma è fondamentale l'investimento sui treni regionali e sul trasporto locale, che sono una rete importante per la mobilità in Italia".

Salvini: "Sono orgoglioso che viaggerà sui binari della mia provincia"

Una visita lampo, quella di Salvini, invitato e accompagnato dall'ingegnere Michele Viale, presidente e amministratore delegato di Alstom Ferroviaria; il ministro ha visitato l'industria di Savigliano, e il "Fabbricato 58", dove avviene il collaudo del primo treno regionale italiano a idrogeno Coradia Stream, che entrerà in servizio in val Camonica il prossimo anno. "Il treno regionale all'idrogeno - ha ribadito Salvini - è un vanto per la nostra nazione e sono orgoglioso che viaggerà sui binari della mia provincia. Oggi ho avuto modo di osservarlo e scoprire l'eccellenza di Alstom e di questo stabilimento".

Iscriviti alla newsletter
Tags:
idrogenomatteo salviniprimo trenoregionali


Clicca Qui






Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.