A- A+
Milano
Il sindaco? E' già stato deciso. La campagna da sogno di Beppe Sala
Beppe Sala

Il sindaco? E' già stato deciso. La campagna da sogno di Beppe Sala

Ballottaggio o primo turno, non c'è alcun tipo di differenza. Beppe Sala, secondo i sondaggi in mano al centrodestra e al centrosinistra, è già sindaco. Potrebbe diventarlo lunedì sera, e si risparmierebbe due settimane di ulteriore lavoro, o potrebbe diventarlo due settimane dopo. Del resto - questo è il ragionamento che si fa nel campo di Luca Bernardo, il suo sfidante - "se davvero arrivassimo come ci dicono i sondaggisti a 15 punti di distacco chi pensa davvero che riusciremmo a colmarli?". Tanto più che al secondo turno non ci sono neppure gli aspiranti consiglieri che spingono al voto. Certo, c'è chi evoca il caso Letizia Moratti, ma all'inverso. Anche allora si pensava che l'attuale vicepresidente di Regione Lombardia avrebbe vinto a mani basse, e invece incrociò sulla sua strada Giuliano Pisapia e perse. Pisapia che però anticipava l'avvento del centrosinistra a livello nazionale, che però aveva movimentato tutta una serie di gruppi in città fin dal luglio antecedente le elezioni (quasi un anno prima), e che aveva già una notorietà non da poco. E che scatenò una tempesta sui social. Insomma, casi diversi.

Qui invece, manca solo un asteroide sulla campagna di Bernardo. Prima i dissidi tra Fratelli d'Italia e Lega, poi i litigi con la sedia vuota della Meloni, poi l'aereo in ritardo, poi il caso Morisi sulla Lega, adesso il caso Fidanza su Fratelli d'Italia. E per completare l'audio di Bernardo, i soldi che non arrivavano (e ne potrebbero essere arrivati molto pochi), le liti tra centristi tra Albertini e Lupi, la freddezza dell'ex mondo ciellino, che in città aveva e ha circa 10mila voti. Ah, e il Covid, non ce lo scordiamo. Insomma, se voleva una campagna semplice Beppe Sala non poteva desiderare di meglio. Neppure nei sogni più rosei.

Infatti, non ha voluto correre alcun rischio: poche dichiarazioni, ben dosate, toni bassi, nessun comizio. Meno gente vota, più sono i fedelissimi che votano. E i fedelissimi che votano sanno perfettamente per chi votare. A complicare ulteriormente il quadro è la presenza di Gianluigi Paragone che ruba voti a Bernardo, mentre nessuno ruba voti a Sala, dei suoi competitor a sinistra o di Layla Pavone, segnaposto per il Movimento 5 Stelle in caso di ballottaggio, ovviamente a favore di Sala. Del resto, che Conte voglia Sala è roba nota anche alle pietre.

La verità è che lunedì non è interessante capire chi diventerà sindaco, ma i rapporti di forza. Tra Partito Democratico e liste collegate a Sala (Riformisti e Lista Sala), e nel Pd tra le varie anime e correnti. Ovviamente tra Lega e Fratelli d'Italia, ma anche la tenuta o crollo di Forza Italia. E Paragone, come si è già detto. Perché lunedì non si vota per il sindaco, ma per gli assetti politici in città. Tutto il resto, come cantava Califano, è noia. E no, non ho detto gioia ma noia noia noia.

fabio.massa@affaritaliani.it

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    elezioni milanomilano 2021beppe sala






    A2A
    A2A
    i blog di affari
    Covid, Lancet smonta le tesi che stigmatizzano i non vaccinati
    L'OPINIONE di Diego Fusaro
    Draghi-Schwab, vis a vis due protagonisti dell'ordine neoliberale filobancario
    L'OPINIONE di Diego Fusaro
    Violenza donne, la maratona radiofonica che dà voce alla lotta agli abusi
    L'opinione di Tiziana Rocca


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.