A- A+
Milano
Il Tribunale? Diventa un museo. E gli avvocati fanno le guide turistiche...

Il Palazzo di Giustizia di Milano si apre alla citta' e a chi la visita per mostrare il suo ricco patrimonio artistico, nell'ambito delle iniziative per Expo. Sino a ottobre, quando l'Esposizione chiudera' i battenti, sara' possibile visitare su prenotazione e con gli avvocati a fare da 'ciceroni' le opere ospitate dalla 'casa' della giustizia milanese. Il percorso nell'edificio razionalista progettato da Marcello Piacentini permettera' di scoprire gioielli firmati dai piu' importanti artisti del '900 italiano, tra i quali Sironi, Carra', Manzu', Tadini. Affreschi, mosaici, sculture in marmo e bronzo accomunate dal tema della giustizia: ci sono capolavori per tutti i gusti nella 'galleria d'arte' che arreda le aule e gli spazi destinati ai processi e alle attivita' giudiziarie. L'inziativa e' stata inaugurata nell'atrio al terzo piano del Palazzo alla presenza, tra gli altri, del Presidente della Corte d'Appello Giovanni Canzio e del vicepresidente dell'Ordine degli Avvocati Enrico Moscoloni.

Tags:
palazzo di giustiziatribunaleexpo







A2A
A2A
i blog di affari
E' nata la figura del “Servo di Stato”. Con Draghi il popolo diventa cagnolino
di Maurizio De Caro
"Tutti in presenza". Nessun obbligo vaccinale per la scuola
Passa la linea Draghi: via libera all'agenzia cyber


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.