A- A+
Milano
Inchiesta Covid, Agnoletto: "Ora non venga tutto insabbiato". FOTO

Inchiesta Covid, Agnoletto: "Ora non venga tutto insabbiato"

”Ora la società civile deve impedire che la politica si autoassolva e che tutto venga insabbiato”, Vittorio Agnoletto, Medicina Democratica e autore di “Senza Respiro. Un’inchiesta indipendente sulla pandemia Coronavirus, in Lombardia, Italia, Europa”, consegnato alla Procura della Repubblica di Milano novembre 2020. “Le conclusioni dell'indagine sulla pandemia da parte della Procura di Bergamo sono un primo passo verso una giustizia che non si fa intimidire da un potere politico che, con le sue scelte, si è reso corresponsabile, insieme al virus, di alcune migliaia di morti altrimenti evitabili. Siamo fiduciosi negli sviluppi del procedimento giudiziario, con la definitiva individuazione delle responsabilità e delle conseguenti condanne”: è il commento di Vittorio Agnoletto, medico, attivista di Medicina Democratica e autore del volume “Senza Respiro. Un’inchiesta indipendente sulla pandemia Coronavirus, in Lombardia, Italia, Europa”.

Covid, il libro nato dalle denunce e dalle testimonianze degli ascoltatori di Radio Popolare

Un libro che fu consegnato alla Procura della Repubblica di Milano il 13 novembre 2020: pubblicato da Altreconomia in piena pandemia, con la prefazione di Luiz Inàcio Lula da Silva, presidente del Brasile, è frutto dell'inchiesta condotta da Vittorio Agnoletto, con la collaborazione di Cora Ranci e Alice Finardi , con la storica trasmissione 37e2 su Radio Popolare. Fu proprio dalle centinaia di testimonianze e denunce degli ascoltatori, raccolte nei mesi più drammatici della esplosione della pandemia nella Val Seriana e nel Bergamasco, di fatto, che emersero indicazioni nette  poi confluite nel volume che, con tre anni di anticipo, rispetto all'inchiesta,  ha rappresentato  una dura requisitoria sulla gestione della pandemia. Il libro contiene anche anche indicazioni per una gestione alternativa della sanità, nel rispetto del diritto alla salute di tutti e contro le privatizzazioni selvagge.

Agnoletto: "Dovemmo assistere ad un vergognoso scaricabarile"

“Per mesi- ha aggiunto Agnoletto- dovemmo assistere ad un vergognoso scaricabarile: oggi abbiamo la conferma che sia il Governo che la Regione Lombardia avevano la possibilità di istituire, ognuno di propria iniziativa, la zona rossa nella bergamasca, in base a quanto previsto dal decreto del 23 febbraio 2020 e dall’ordinanza firmata nella medesima giornata congiuntamente dal Ministro della Salute e dal Presidente della Regione, come ampiamente da me documentato nel libro. La mancata attivazione della zona rossa, e degli atti conseguenti ha regalato all’Europa il maggior focolaio continentale: infatti, se la Lombardia fosse stata una nazione indipendente sarebbe al sesto posto nel mondo come decessi da Covid in relazione alla popolazione: 455 ogni 100mila abitanti. Una cifra spaventosa".

Conclude Agnoletto: "Nella primavera del 2020 varie associazioni avevano raccolto oltre 100mila firme per chiedere al Governo di Commissariare la sanità lombarda, nessuno ci rispose! La fila dei camion del 18 marzo 2020 è il simbolo del prevalere del profitto e degli interessi economici sulla salute collettiva. Come società civile, associazioni, comitati dei familiari, terremo alta l’attenzione per impedire che la politica si autoassolva e che, come spesso è accaduto in Italia, per altre e diverse stragi, tutto finisca nel nulla, nell’oblio del tempo”.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
agnolettocovid







Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.