A- A+
Milano
Inchiesta Covid, i pm: "Cts sapeva del rischio dal 28/02/2020"

Inchiesta Covid, i pm: "Cts sapeva del rischio dal 28/02/2020"

Già dal 28 febbraio 2020 il primo Comitato tecnico scientifico era a conoscenza dello "scenario piu' catastrofico per l'impatto sul sistema sanitario e sull'occupazione delle terapie intensive" in Lombardia dovuto alla diffusione del Coronavirus. E' quanto scrive la Procura di Bergamo nell'avviso di chiusura delle indagini preliminari dell'inchiesta sulla gestione del Covid nella provincia orobica.

I pm: "Brusaferro, Locatelli e Miozzo non proposero "l'estensione delle misure previste per la c.d. "zona rossa"

E ciononostante - contestano i pm - i componenti, tra cui Silvio Brusaferro, Franco Locatelli e Agostino Miozzo, non proposero "l'estensione delle misure previste per la c.d. "zona rossa" ai comuni della Val Seriana, inclusi i comuni di Alzano Lombardo e Nembro".

Iscriviti alla newsletter
Tags:
bergamoctsinchiesta covidpm






Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.